In evidenza

No alla guerra, sì ai diritti

NO AGLI INTERVENTI MILITARI IMPERIALISTI, NO AL FONDAMENTALISMO, PER LA PACE E LA DEMOCRAZIA DEI POPOLI

di Franco Turigliatto

Le previsioni di una ripresa delle “magnifiche sorti progressive”, dell’economia capitalista, si sono rapidamente sbriciolate di fronte al rallentamento delle economie dei grandi paesi emergenti, alla svalutazione dello yuan, al crollo della borsa in Cina e, a catena, nelle diverse aree geografiche del capitalismo.

All’inizio del 2016 la mondializzazione capitalista ci consegna un mondo segnato da una più profonda crisi economica che nessun soggetto statuale, sovranazionale o imperiale riesce a controllare (vedi l’articolo di Michel Husson “Economia, le coordinate della crisi in arrivo”), dalla concorrenza e dallo scontro tra le diverse potenze imperialiste (o a vocazione imperialista) e dai conflitti che oppongono le diverse potenze regionali emergenti (in un rapporto complesso con le prime), di cui quanto accade in Medio Oriente è l’espressione più profondamente tragica e reazionaria. (A questo proposito vedi l’articolo di Pierre Rousset “Mondializzazione capitalista, imperialismi, caos geopolitico e rispettive implicazioni” e il contributo per il congresso di Sinistra Anticapitalista “Per una lettura anticapitalista della situazione mondiale”).

Crisi, guerre e barbarie inaudite, caos geopolitico segnano questa fase del capitalismo.

I nuovi venti di guerra

Nuovi violenti venti di guerra spirano in Europa, quasi che i ripetuti interventi coloniali e neocoloniali delle potenze occidentali in Medio Oriente e in Africa, seminando, miseria, terrore e disperazione, non abbiamo fatto altro che moltiplicare i conflitti, respingendo qualsiasi risoluzione politica, qualsiasi elemento di pacificazione e di risposta ai problemi e ai bisogni delle popolazioni coinvolte. Questi interventi hanno rafforzato ed alimentato l’azione dei paesi più conservatori e reazionari e lo sviluppo di forze oscurantiste, quasi emerse dal passato, come l’ISIS.

La nascita e lo sviluppo delle rivoluzioni arabe a partire dal 2011 aveva aperto nuove speranze e nuove possibilità perché, attraverso l’azione delle classi lavoratrici e popolari di quei paesi e le loro lotte sociali e democratiche contro le dittature al potere, si potesse affermare una prospettiva di società libere, democratiche, di giustizia sociale.

Contro questi processi rivoluzionari si sono mosse le classi dominanti locali e i vari imperialismi, per reprimere le lotte e le rivolte e per riportare lo status quo reazionario e dittatoriale non importa a quale prezzo di distruzione e di morte; la Siria è l’esempio più emblematico e drammatico.

In Europa, la Francia e altri paesi hanno usato i tremendi attentati di Parigi per creare le condizioni politiche ed ideologiche di una nuova guerra, alimentando il razzismo e l’islamofobia; nel comtempo riprende vigore un antisemitismo mai spento e correnti di destra più o meno esplicitamente fasciste si sviluppano su tutto il continente.

Anche l’Italia di Renzi, che in un primo tempo si stava muovendo con più cautela, lavora in direzione di nuove azioni di guerra a partire da un possibile intervento in Libia e dal rafforzamento delle nostre presenze militari in diversi paesi del mondo. La propaganda dei media, congiunta alle dichiarazioni dei governanti e alle concrete azioni che preparano, lasciano pochi dubbi su questa possibilità ed eventualità.

Siamo di fronte a un Europa sempre più securitaria e che continua a perseguire le politiche del massacro sociale; un’Europa che non ha problemi ad aumentare le spese militari, che continua a fare lucrosi affari con paesi impresentabili come l’Arabia Saudita vendendo le armi che sono usate nelle guerre che insanguinano quelle regioni e nel reprimere le rivolte e le mobilitazioni democratiche.

Costruire la lotta contro la guerra e le politiche securitarie e dell’austerità

La necessità di costruire una mobilitazione sociale che tenga insieme la lotta contro le politiche liberiste e la battaglia contro le politiche di guerra e gli interventi militari è un compito quanto mai presente, che chiama in causa tutte le forze della sinistra autentica, tutti coloro che vogliono opporsi alla barbarie generalizzata, tutti i “poveri di spirito” per usare l’espressione cristiana, tutte le classi lavoratrici e popolari – per usare i vocaboli marxisti – che devono subire questo insopportabile sistema di violenza, di oppressione e di sfruttamento.

Siamo lontani dalla comprensione di questa necessità da parte delle forze di sinistra e siamo sicuramente tutti in ritardo nel dare una risposta all’altezza della situazione. Una sinistra (per non parlare delle organizzazioni sindacali subalterne al governo, o di quelle che hanno perso il carattere alternativo che pure avevano ancor qualche anno fa), che non è riuscita in questo autunno a produrre una mobilitazione minimamente significativa sulle controriforme sociali del governo Renzi (sanità scuola, pensioni, diritti del lavoro) inevitabilmente ha qualche difficoltà a produrre una campagna forte contro la guerra, a portare in piazza una mobilitazione che coinvolga e influenzi settori ampi della popolazione e contrasti l’azione del governo e i veleni della stampa. Ma questo è uno dei compiti fondamentali che ci sta di fronte.

La discussione sui temi delle mobilitazioni antiguerra

Un raggruppamento di forze che ha come marchio “NO Euro, No UE, NO Nato”, Comitato Eurostop, ha preso l’iniziativa di organizzare per il 16 gennaio, 25° anniversario della prima invasione dell’IRAQ da parte delle forze americane, una mobilitazione contro la guerra che avrà due momenti principali a Milano e Roma.

Lo ha fatto attraverso un appello che è condivisibile in molte parti, e il cui carattere generico è del tutto comprensibile perché volto ad allargare il consenso, ma che contiene anche alcune strumentalità rispetto alle posizioni politiche complessive dei suoi promotori.

Questi respingono le critiche che sono state avanzate da alcune parti rispetto alla limitatezza dell’iniziativa affermando che è solo un primo momento, e che sono stati spinti ad agire di fronte all’inerzia e all’insussistenze politica di altri soggetti della sinistra.

C’è del vero in questa considerazione, ma è pur sempre solo una mezza verità, perché si sarebbe potuto e dovuto mettere in campo un processo realmente aperto e coinvolgente, che affrontasse in modo non preconfezionato ma unitario il tema della guerra; un tema che presenta oggi caratteri inediti e più complessi del passato che non a caso sfuggono o non sono presi in considerazione dai promotori del 16 gennaio.

Questi infatti non sono solo i protagonisti di una iniziativa contro la guerra, di per sé necessaria, ma rappresentano anche un raggruppamento molto politico, che con lo slogan “NO euro, No UE, NO Nato,” definisce anche una area politico-ideologica; essa è composta da diverse componenti, ma unite da una comune spinta e lettura campista della realtà internazionale. Alcuni soggetti non si fanno problemi ad assumere un riferimento specificamente e dichiaratamente stalinista.

Ma al di là di questo aspetto – per altro non secondario ed inquietante – esiste un problema di analisi e di orientamento politico di fondo che caratterizza il pensiero di questa aggregazione: questi compagni e compagne non colgono gli elementi nuovi che caratterizzano la situazione internazionale, la pluralità dei soggetti in campo; la realtà è sempre solo quella, di certo vera, dell’azione dell’imperialismo americano a cui si aggiunge quello europeo, ma null’altro.

Soprattutto la loro lettura resta pericolosamente solo collegata all’azione dei governi e degli stati di quei paesi e all’azione dell’imperialismo, senza mai guardare alle masse che pure si sono mosse negli ultimi anni in diversi paesi, ai loro legittimi interessi sociali e democratici. Ed infatti questi compagni non hanno visto le rivoluzione arabe e hanno solo letto le manovre dell’imperialismo, senza accorgersi o senza voler capire la profondità sociale dei sollevamenti a partire dalla sacrosanta rivolta in Siria per non parlare degli scioperi operai in Egitto che proprio in questo periodo hanno conosciuto una ripresa pur sotto la dittatura restaurata di Al Sisi.

La lettura della vicenda della siriana grida vendetta. Assad, pur di mantenersi in piedi, ha disperso e massacrato il suo popolo, ha distrutto le città e condotto una guerra civile senza quartiere che ha prodotto 280.000 morti e un esodo biblico.

Dalla lettura di alcuni più o meno sofisticati articoli comparsi su qualche sito c’è da chiedersi: “ma se questi compagni italiani fossero vissuti in Siria 4 anni fa, sarebbero stati dalla parte delle mobilitazioni popolari per la democrazia contro la dittatura di Assad o avrebbero sostenuto quest’ultimo nella sua azione violenta e repressiva?” E secondo interrogativo: “ Hanno sì o no quelle classi lavoratrici, quelle cittadine e quei cittadini il diritto ad avere gli stessi diritti democratici che abbiamo conquistato nei nostri paesi e che oggi proviamo a difendere strenuamente dal tentativo di limitarli o cancellarli da parte della borghesia, o devono rinunciarvi in nome di una non ben precisa realpolitik campista?”

Impossibile pensare a una soluzione di pace creando un minimo di convivenza in Siria se non se ne va colui che è il principale responsabile della terribile desolazione che ha travolto questo paese.

E invece temiamo, come è già accaduto recentemente, che rivedremo in alcune manifestazioni in piazza i cartelli inneggianti non solo al nuovo zar Putin, ma anche ad Assad, una interpretazione della realtà che è ridicola, se non fosse anche drammaticamente folle, di compagni orfani di uno scenario politico, quello di un campo che non esiste più, che si vuole ricreare con referenti reazionari e repellenti.

Naturalmente tutto questo – che però è ben presente nella realtà e nei siti – nell’appello per il 16 gennaio non c’è, e giustamente. Però, viene scritto da uno dei suoi promotori “La giornata offre finalmente una cornice di mobilitazione No War che ognuno potrà declinare con i propri contenuti”.

Su quali contenuti ci mobiliteremo

Proviamo dunque a indicare quali sono i nostri contenuti e la nostra proposta sulla guerra nella prossima fase.

In primo luogo la nostra organizzazione continuerà a battersi perché le forze sociali, sindacali e politiche della sinistra lavorino alla costruzione di una campagna e di una mobilitazione articolata e nazionale contro la guerra; sarà una campagna lunga e difficile, che ci dovrà vedere tutti impegnati nella prossima fase, anche superando le tante divergenze che sono in campo.

Non disdegniamo, quindi, quanto sarà fatto il 16, anche se abbiamo alcuni reali timori sulle tonalità che alcuni soggetti potranno dare alla manifestazioni e sul fatto che in una manifestazione antiguerra non ci sia una chiara condanna di alcuni soggetti che questa guerra stanno alimentando. Da parte nostra ci impegnamo a sviluppare un’attività contro la guerra declinando i nostri contenuti internazionalisti, anticapitalisti, antidittatoriali (qualsiasi sia il dittatore di turno, Erdogan, Assad, Al Sisi o i monarchi) e, mi si permetta di aggiungere umanistici, di solidarietà e comprensione per una umanità sofferente. Sono i temi internazionalisti che discuteremo e svilupperemo anche nei nostri congressi locali in preparazione del primo congresso nazionale di Sinistra Anticapitalista alla fine di gennaio:

  • il ritiro dei contingenti militari italiani dai teatri di guerra;
  • perché il governo italiano ponga fine alla vendita di armamenti a paesi che finanziano l’Isis o altre organizzazioni terroristiche come l’Arabia Saudita, il Qatar o la Turchia;
  • la drastica riduzione delle spese militari;
  • il ritiro dell’Italia dall’alleanza politico militare della Nato e la chiusura delle sue basi nel nostro paese.
  • contro ogni forma di intervento imperialista sia occidentale che russo, contro l’Isis e le monarchie del Golfo, contro Assad e i gli altri regimi dittatoriali.
  • per il sostegno a tutte le forze progressiste, antimperialiste ed anticapitaliste che combattono per una società democratica, laica e socialista;
  • per i diritti del popolo palestinese contro le politiche coloniali del governo israeliano;
  • per il diritto del popolo curdo e di tutti popoli alla propria autodeterminazione;
  • per la rimozione del Pkk dalla lista delle organizzazioni terroristiche dell’Ue e degli Usa;
  • contro ogni forma di fondamentalismo, razzismo e fascismo, contro l’islamofobia e l’antisemitismo;
  • contro lo stato di emergenza che, approvato in Francia, sta per essere assunto dagli altri paesi dell’Ue;
  • contro le politiche securitarie che colpiscono vergognosamente i migranti, per costruire comunità aperte contro ogni odio e fanatismo, per unire ciò che le classi dominanti e le forze reazionarie vogliono dividere.

Non dobbiamo mai dimenticarci della bussola di Marx: “proletari di tutti i paesi unitevi”