In evidenza

Documento organizzativo. I circoli

Torna al sommario
Vai al capitolo precedente
Vai al capitolo successivo

Alla base dell’attività politica dell’organizzazione c’è naturalmente la dimensione territoriale attraverso la presenza di un circolo sul territorio locale, ma anche in un ambito lavorativo unitario o plurimo. I circoli possono avere carattere locale o di luogo di lavoro e di studio o raggruppare compagne e compagne che intervengono in un determinato settore (per esempio la scuola), ma possono essere anche collettivi tematici. I circoli non sono solo il luogo fisico nel quale ci si incontra e si discute ma sono spazi di agibilità politica e strumento nelle mani dei militanti. Qui essi possono crescere, formarsi e costruirsi collettivamente. Sono spazi aperti e luoghi di incontro dove costruire il radicamento territoriale.

I circoli locali sono i promotori delle attività politiche e delle campagne di Sinistra Anticapitalista sul territorio e intervengono sulle specifiche situazioni portando i contenuti, le proposte e le modalità di azione di Sinistra Anticapitalista.

I collettivi tematici non hanno un carattere specificamente territoriale; nascono dall’interazione di compagni e compagne che approfondiscono ed elaborano proposte di discussione su temi specifici quali, ad esempio, l’ecosocialismo, il femminismo, l’internazionalismo che sono i cardini intorno ai quali ruota l’attività politica di Sinistra Anticapitalista, ma le compagne e i compagni che le compongono sviluppano questi specifici temi nel quadro locale in cui operano.

Nella prossima fase, nel contesto del congresso e dopo il congresso, in ciascuna città o provincia dove abbiamo presenze ed iscritte/i sarà necessario ridefinire i piani di lavoro ed anche individuare le forme concrete in cui questa presenza si articola.

È in questo contesto anche che vanno costruite direzioni collettive, realmente operative, individuando le divisioni di lavoro e gli incarichi per ciascuna compagna e compagno. Un aspetto fondamentale della militanza è anche l’assunzione di responsabilità e di ruoli, compresi quelli di direzione; questa funzione la si esercita non solo perché formalmente si sta in un direttivo o in un coordinamento politico, ma perché si assume fino in fondo un impegno a seguire un determinato settore di lavoro, un progetto e a partecipare attivamente con gli altri a capire i problemi politici, a cercare di risolverli collettivamente, riducendo al minimo la delega.

In questo quadro sarà necessario a partire dalla discussione di questo documento negli ambiti congressuali stessi lavorare anche in due altre direzioni.

La nostra organizzazione ha una operatività di proposta politica su scala nazionale ed ha una vocazione organizzativa al medesimo livello; tuttavia, ad oggi, le nostre lacune geografiche sono numerose e deve essere rivolta particolare attenzione ai contatti e ai rapporti politici, nonché alle presenze che già abbiamo, per costruire dei circoli là dove non siamo ancora presenti o dove abbiamo solo alcune ridotte presenze. Sarà compito della direzione nazionale individuare le iniziative mirate e le priorità che, in stretta connessione con i circoli più strutturati e vicini a queste situazioni, possono permetterci di sviluppare la presenza regionale e sui diversi territori dell’organizzazione.

In questo quadro di presenza territoriale va contemporaneamente consolidata e rafforzata la nostra disponibilità di disporre di sedi per i nostri circoli che ci permettano di adoperare delle strutture più adeguate per il nostro intervento.

Tutte le organizzazioni politiche complessive della sinistra e come tali strutturate, hanno oggi problemi di presenza e di costruzione nel mondo giovanile, a partire dagli studenti. Questo vale anche per la nostra organizzazione che sconta per di più alcune vicende di un recente passato. In questo ultimo anno abbiamo messo in atto alcune iniziative e una particolare attenzione per migliorare la nostra presenza tra i giovani, ma oggi, sulla base di queste esperienze, dobbiamo passare a una fase di sistematizzazione coerente e generalizzata su scala nazionale della nostra azione verso le scuole e i giovani.

Torna al sommario
Vai al capitolo precedente
Vai al capitolo successivo