In evidenza

Documento organizzativo. Comunicazione, propaganda agitazione

Torna al sommario
Vai al capitolo precedente
Vai al capitolo successivo

Sinistra Anticapitalista si avvale di diversi strumenti di comunicazione sia multimediali che cartacei, sia interni che esterni.

Al fine di agevolare la comunicazione tra i compagni e le compagne e al fine di organizzare meglio le attività e le campagne politiche, Sinistra Anticapitalista si avvale di una serie di mailing list chiuse e gestite dai compagni e dalle compagne dell’esecutivo nazionale. Le mailing list sono strumenti interni di organizzazione finalizzati non alla discussione politica che si tiene negli attivi che ogni circolo convoca ma all’organizzazione del lavoro politico. Le mailing list finora attivate sono :

  • esecutivo nazionale a cui sono iscritti i compagni e le compagne dell’esecutivo nazionale;
  • coordinamento nazionale a cui sono iscritti i compagni e le compagne del coordinamento nazionale;
  • lista organizzazione a cui sono iscritti i compagni e le compagne responsabili organizzazione dei circoli locali;
  • mailing list lavoro a cui sono iscritti i compagni e le compagne responsabili del settore lavoro nei diversi circoli territoriali;
  • mailing list delle compagne a cui sono iscritte le compagne di Sinistra Anticapitalista;
  • mailing list giovani a cui sono iscritti i compagni e le compagne responsabili della costruzione dell’intervento giovanile sui territori;
  • mailing list traduttori a cui sono iscritti i compagni e le compagne disponibili a tradurre articoli da e per le organizzazioni internazionali con le quali siamo in contatto.

I mezzi per comunicare al di fuori dell’organizzazione sono diversi e sono da dati una combinazione di mezzi tradizionali e nuovi. Questa scelta ci permette di diversificare le forme di comunicazione e di non escludere nessuno. L’utilizzo del sito, di facebook e della newsletter che deve essere ulteriormente migliorato e qualificato e che deve avere le proprie espressioni locali, è diventato fondamentale; permette di dare una comunicazione immediata e di raggiungere nel più breve tempo possibile il maggior numero di contatti. Sebbene oggi la comunicazione passi molto sui social network e in internet, riteniamo comunque indispensabile mezzi di comunicazione più tradizionali come il giornale cartaceo o il volantone per dare uno strumento di informazione a quanti incontriamo sui luoghi di lavori e sul territorio. Pensiamo che i volantini svolgano ancora una funzione di agitazione per cui partecipiamo a cortei e appuntamenti pubblici con del materiale cartaceo che riporti le nostre analisi, ponga delle domande e sia utile all’interlocuzione. Devono essere prodotti sia nazionalmente sia localmente sulle diverse questioni. Da questo si misura anche l’attenzione delle direzioni locali nell’essere ben presenti negli avvenimenti politici e nella continuità di un determinato intervento. Lo strumento cartaceo per la propaganda e l’intervento resta quindi indispensabile perché esprime la necessità dell’intervento diretto e dell’incontro fisico senza i quali non c’è costruzione di organizzazione politica reale.

La scrittura dei testi di propaganda e di agitazione pone oggi numerosi problemi di approccio, di linguaggi, di formulazioni ed anche di presentazione grafica che finora abbiamo discusso in modo sporadico e diseguale, ma che costituisce un importante passaggio nella operatività politica. La fase congressuale, anche eventualmente con apposita commissione del congresso dovrebbe provare a sistematizzare questa discussione per arrivare a una definizione più precisa ed omogenea del nostro lavoro.

Di difficile soluzione la questione della pubblicazione periodica del giornale. Le esperienze di quest’ultimo anno mettono in luce punti di valorizzazione in diverse situazioni, ma anche di scarso o difficile utilizzo in altre. In corrispondenza di queste diversità anche i giudizi sulla sua utilità sono diversificati; qualche compagno, nel corso dell’esperienza, ha anche modificato sia in senso favorevole che sfavorevole il giudizio iniziale.

Dato che la pubblicazione del giornale è anche un impegno finanziario gravoso, è necessario che nell’ambito congressuale i circoli abbiano una discussione specifica su questo problema, come per altro sugli altri prima indicati per arrivare a una proposta finale non improvvisata o casuale, per individuare un percorso almeno per il prossimo anno.

Tra i diversi strumenti di cui Sinistra Anticapitalista si dota per la sua attività politica sui territori particolare attenzione va posta sull’organizzazione di banchetti periodici che sostanzino la propaganda e l’attuazione delle campagne nazionali e locali. Preferibilmente ancorati ad appuntamenti di discussione e mobilitazione, contribuiscono alla riconoscibilità del profilo politico di Sinistra Anticapitalista e all’interlocuzione con settori con cui più difficilmente riusciamo ad entrare in contatto.

Torna al sommario
Vai al capitolo precedente
Vai al capitolo successivo