Caro-bollette e clima, la Nupes riempie la piazza

140mila persone hanno preso parte alla marcia contro il carovita e l’inazione climatica indetta dalla NUPES con l’adesione di NPA. In testa al corteo, sottobraccio a Mélenchon, la premio Nobel per la letteratura Annie Ernaux. Il 18 ottobre mobilitazione interprofessionale [Checchino Antonini]

La sinistra francese di Nupes è tornata in piazza per manifestare contro «il caro vita e l’inazione climatica». E all’appuntamento a Parigi hanno risposto 140mila persone, rivendicano gli organizzatori con il leader della sinistra, ed ex candidato all’Eliseo, Jean-Luc Mélenchon che si felicita «dell’immenso successo» della mobilitazione. E parla della «costruzione di un nuovo fronte popolare», e rilancia l’appello per «uno sciopero generale» il prossimo 18 ottobre, a cui hanno già aderito diversi sindacati. «Abbiamo veramente bisogno di una grande forza popolare di fronte alla politica di abusi sociali ed ecologici di questo governo», ha dichiarato Mathilde Panot presidente del gruppo parlamentare francese di sinistra La France Insoumise. Sono arrivati 120 autobus da tutta la Francia per partecipare al corteo che, partito alle 14 da place de la Nation, è stato aperto da Melanchon con al suo fianco la scrittrice Annie Ernaux alla quale è stato appena conferito il premio Nobel per la Letteratura.

Mentre Place de la Nation a Parigi era già piena, intorno alle 14.30 del 16 ottobre, Jean-Luc Mélenchon è arrivato al camion di testa con al braccio la Premio Nobel per la letteratura. Dopo il complicato inizio del nuovo anno per La France Insoumise (LFI), impantanata nella vicenda Quatennens, l’evento è stata calibrato per annunciare il ritorno alla ribalta del partito leader della Nuova Unione Popolare, Ecologica e Sociale (Nupes).  

Una scommessa riuscita, nonostante la LFI non sia riuscita a raggiungere un accordo con la CGT per coorganizzare l’evento. In effetti, non c’erano grandi palloni sindacali nel corteo. Ma i sindacalisti sono molto presenti, sia tra la folla che sul camion con i colori della Nupes.

Il clima sociale esplosivo, con gli scioperi nelle raffinerie e in altri settori, e le recenti vittorie dei Nupes nell’Assemblea Nazionale hanno contribuito a rafforzare la mobilitazione di domenica.

La sinistra sogna un “nuovo Fronte Popolare

Una felice concordanza di tempi sociali e politici che anche Jean-Luc Mélenchon ha salutato al microfono del camion-tribuna: “È la grande congiunzione”, ha detto, sottolineando che a Palais-Bourbon la Nupes resta unita mentre la destra si frammenta e il governo dovrà presto ricorrere al 49-3 (una procedura prevista dalla costituzione che permette di imporre un progetto di legge senza il voto parlamentare) per far passare il bilancio. In questa situazione in cui la sinistra sembra guadagnare punti nella battaglia culturale, in particolare sulla tassazione dei super-profitti, l’ex candidato alla presidenza ha invitato a non cedere alla rassegnazione: “Non rassegnatevi. L’unità popolare è la soluzione alla crisi.

Se il suo precedente riferimento alla storia – la marcia delle donne su Versailles nell’ottobre del 1789 – gli era valso delle polemiche, questa volta il fondatore di LFI ha fatto l’analogia con un altro grande momento della storia della sinistra: “Stiamo costruendo un nuovo Fronte Popolare, che eserciterà il potere in questo Paese iniziando a occuparsi della gente povera”. Olivier Faure, primo segretario del Partito Socialista (PS), ha seguito il suo ottimismo, celebrando la ritrovata unità della sinistra, mentre alcuni tra le sue fila l’hanno vista come una capitolazione nei confronti degli Insoumis – una divergenza che sarà risolta al congresso del PS alla fine di gennaio 2023.

Rivolgendosi ai suoi oppositori e ai critici della Nupes, il capo del PS si è lanciato in una filippica unanimemente apprezzata: “Se mi si chiede di rendere conto di qualcosa, dirò ciò che mi lega a voi: non ero nato e camminavo già con voi, dalla Comune di Parigi al Fronte Popolare e al 10 maggio 1981. Dobbiamo credere nella felicità. Poiché nulla è dato, dobbiamo andare a prenderlo. La vostra unità è la garanzia del nostro successo, fino alla vittoria”.

In fondo al camion, il deputato ecologista Benjamin Lucas, proveniente dalle file dei Giovani socialisti, assapora questa tettonica delle placche a sinistra, che dovrebbe, secondo lui, portare a “fare del quinquennio di Hollande una parentesi”: “È tutta la storia della sinistra: non c’è Fronte popolare se non ci sono movimenti sociali di massa. La nostra unità deve essere colta. Non possiamo trasformare la società solo con le elezioni.

Mentre l’ex candidato dei Verdi alla presidenza, Yannick Jadot, aveva annunciato che non avrebbe partecipato a questa marcia perché “senza i sindacati”, i deputati del Nupes hanno affermato all’unisono il loro pieno sostegno a quest’ultima. “Il Nupes deve essere la cinghia di trasmissione dei movimenti sociali e sindacali per ottenere vittorie, abbiamo un legame intimo”, ha detto il deputato insoumis del Nord David Guiraud.

L’affluenza testimonia che molte persone aspettavano questo evento. Un “buon momento” che riesce quasi a far passare in secondo piano le vicende dei Quatennen e di Bayou, e la loro calamitosa gestione da parte dei partiti. Questo senza contare le attiviste della Relève féministe, una ventina, secondo Mediapart, per ricordare, cartelli e adesivi attaccati al petto: “Né sfruttamento padronale, né schiaffo patriarcale”. Un riferimento esplicito a Jean-Luc Mélenchon e alle sue parole di minimizzazione della violenza coniugale ammesse dal suo fedele luogotenente Adrien Quatennens.

“Abbiamo ancora uomini che non capiscono nulla del problema e che si proteggono a vicenda”, ha detto Gwendoline a Mediapart che abbiamo consultato per redigere questo articolo

Sara Tij, candidata di Nupes alle elezioni legislative nell’Hauts-de-Seine, spiega: “La struttura dei partiti rimane patriarcale. Pensavamo che stessero sposando la causa femminista in modo franco e sincero, e una volta terminate le elezioni, è come se la nostra causa fosse stata usata per ottenere voti”.

Più avanti del corteo, un insieme eterogeneo di “gilet gialli”, gruppi antifascisti e forse manifestanti più radicali – diverse migliaia, senza dubbio – si muove rapidamente lungo la rue du Faubourg Saint-Antoine verso la Bastiglia. Una banca della Société Générale è stata attaccata da alcuni membri del blocco nero, con una risposta immediata della polizia: cariche e gas lacrimogeni.

Il corteo è stato poi tagliato in più parti da cordoni di CRS e gendarmi mobili. Piuttosto discrete all’inizio della manifestazione, le truppe in blu sono diventate sempre più vistose man mano che gli animi si accendevano nel corteo.

Non si sono verificati incidenti di rilievo. Si sono sentiti cori di gilet gialli e antifascisti, oltre a slogan contro la polizia. In Place de la Bastille, il confronto è stato teso ma alla fine ha causato pochi tafferugli. E poi è arrivato il resto della manifestazione. La “marea umana”, come ama dire Jean-Luc Mélenchon, ha la meglio sui disturbatori.

La mobilitazione di ieri è stata indetta dalla giornata di sciopero interprofessionale di giovedì 29 settembre che ha dato il via alla nuova stagione sociale: non è stata massiccia, spiega l’Anticapitaliste, il sito di NPA, ma ha dimostrato che centinaia di migliaia di persone sono pronte a mobilitarsi contro gli attacchi del governo. Lo sciopero è stato addirittura importante in alcuni settori, soprattutto in quello dell’istruzione, dove il degrado dei servizi pubblici e la perdita di potere d’acquisto stanno accelerando.

Con un’inflazione di circa il 7%, molte persone non possono più permettersi di riscaldare la casa o di arrivare a fine mese. Come se non bastasse, Macron vuole attaccarci su nuovi fronti.

Prima di tutto, nel campo dell’assicurazione contro la disoccupazione, con una scelta indecente: quella di abbassare i sussidi proprio nel momento in cui sono necessari!  

Con il suo nuovo progetto di riforma delle pensioni, vuole aumentare l’età pensionabile a 65 anni nel 2032, oltre a porre fine ai regimi speciali. Per farlo, si continuano a raccontare le stesse bugie come quella sul presunto deficit, mentre il sistema è in attivo quest’anno di oltre 5 miliardi di euro.

Se i salari aumentassero, se la disoccupazione diminuisse, non ci sarebbero problemi a pagare le pensioni, perché i contributi aumenterebbero. I lavoratori delle raffinerie e di altri settori si stanno mobilitando per questi aumenti salariali: hanno ragione, perché è ora. Il governo e i suoi media possono ripetere in continuazione tutte le loro menzogne e moltiplicare le tattiche di pressione contro il movimento dei lavoratori delle raffinerie, ripetendo il ritornello che viene spesso usato, ad esempio, contro i lavoratori delle ferrovie, che sarebbero ben pagati e “ricattatori”.Tuttavia, è la multinazionale Total che ha realizzato 16 miliardi di profitti netti l’anno scorso e si appresta a versare 2,6 miliardi ai suoi azionisti, aumentando nel contempo lo stipendio del suo amministratore delegato del 50%!

NPA, che era tra i manifestanti ieri, preme per una piattaforma che preveda un aumento di 300 euro per tutti, un salario minimo di 1.800 euro netti e l’indicizzazione dei redditi ai prezzi, perché quando i prezzi aumentano, i redditi devono automaticamente seguirli. “Per non sprecare la nostra vita a guadagnarla”, si difende anche il pensionamento completo a 60 anni (55 per i lavori usuranti), nonché la creazione massiccia di posti di lavoro (soprattutto nella sanità e nell’istruzione).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: