In evidenza

L’internazionale femminista

#NosotrasNosOrganizamos

Il 25 novembre noi donne prendiamo il tempo che è nostro, lasciamo da parte le imposizioni per fare quello che vogliamo e desideriamo: riunirci, pensare insieme, prendere la parola, occupare le strade e le piazze, appropriarci dello spazio pubblico e convertirlo in spazio di ospitalità e di libera circolazione per noi.

Mettiamo in atto la nostra utopia anti-patriarcale

Per scongiurare la paura, per rendere visibile la nostra esasperazione e potenziare la nostra forza in ogni territorio. Ognuna di noi incontra l’altra non come una rivale, come prevede il patriarcato, ma come una compagna: noi realizziamo una complicità come un’alleanza insolita.

Per questo ci organizziamo e il 25 novembre saremo insieme, qui e nel mondo, in molteplici forme: assemblee popolari, radio libere, denunce pubbliche, lezioni aperte, sospensioni dell’attività nei luoghi di lavoro, azioni urbane.

Noi ci organizziamo e la nostra organizzazione è globale

Il 25 novembre ogni iniziativa farà parte di una mobilitazione generale che costruisce ponti da Ciudad Juárez a Mosca, da Guayaquil a Belfast, da Buenos Aires a Seul e Roma.
Questa mobilitazione nasce con la mobilitazione delle donne inaugurata con un ottobre rivoluzionario, e vuole articolarsi fino ad uno sciopero globale l’8 marzo prossimo.

Incrociando lingue e frontiere, come fanno le donne migranti sfidando la legalità del nostro movimento, emerge la ribellione contro la violenza, contro la femminilizzazione della povertà, contro il razzismo e contro la mancanza di rappresentanza politica, contro i tentativi di confinamento delle donne e delle bambine nella reclusione domestica, contro i dogmi religiosi che si appropriano dei nostri corpi e delle nostre vite, contro la maternità come dovere e la criminalizzazione dell’aborto, contro le rinnovate forme di sfruttamento capitalista e contro la precarizzazione dell’esistenza. Contro le molteplici depredazioni perché né la terra né i nostri corpi sono territori di conquista.

In tutto il mondo noi ci organizziamo con una sola voce comune:

#NiUnaMenos
#VivasNosQueremos
#NosMueveElDeseo