In evidenza

Gli operai della Titan ottengono con la lotta un primo risultato

Nel pomeriggio di oggi, martedì 23 novembre, dopo una settimana di scioperi ad oltranza e di blocco dei cancelli, i lavoratori in lotta della Titan di Finale Emilia ottengono un primo risultato. L’azienda ha accettato di incontrare una delegazione e si è formalmente impegnata a riconoscere a tutti i dipendenti il premio di 1.608 euro che era stato abolito al momento della chiusura dello stabilimento di Crespellano.

Il cedimento della direzione aziendale è arrivato dopo che i lavoratori avevano manifestato la propria opposizione ad accettare la richiesta dell’azienda di fa passare dai cancelli, presidiati da sette giorni, tre camio per una consegna urgente.

Di fronte al fermo diniego dei lavoratori, l’azienda ha accettao di svolgere un incontro nel quale ha firmato una dichiarazione sul premio ripristinato.

La radicalità dei lavoratori è stata determinante per il successo. Lo sciopero, avviato su iniziativa dell’USB, è però riuscito a coinvolgere i lavoratori iscritti a tutte le altre sigle presenti in azienda (Fim, Fiom, Uilm, SiCobas). Anche per questo è stata vincente.

In questo nuovo quadro domani giovedì la trattativa continuerà sugli altri punti.