In evidenza

In memoria del compagno Augusto Caffaz

Un ricordo delle/dei compagne/i di Sinistra Anticapitalista della Liguria

15003282_10207588771654500_9119097845354802547_oE’ morto il compagno Augusto Caffaz.

Dopo un ictus devastante che lo aveva colpito ai primi di ottobre dello scorso anno, non si è più ripreso e infine ieri ci ha lasciato. Aveva 73 anni.

Militante politico rivoluzionario, ha seguito tutto il percorso della corrente della Quarta Internazionale, dai Gruppi Comunisti Rivoluzionari (GCR) alla Lega Comunista Rivoluzionaria (LCR) e poi nella successiva confluenza in Democrazia Proletaria e ancora in Rifondazione Comunista, fino alla separazione del 2007 con Sinistra Critica e quindi, dal 2013, con Sinistra Anticapitalista.

Chi ha conosciuto Augusto, a La Spezia, la sua città, e altrove, non può non avergli voluto bene.

Era un compagno di una generosità immensa. Dotato di una grande capacità di ironia e di autoironia ma allo stesso tempo, a suo modo, un militante disciplinato, cosciente del valore dell’organizzazione politica e del suo collettivo. Un compagno di tante battaglie, sui fronti più diversi. Le lotte operaie e le lotte antirazziste, quelle per l’acqua pubblica e le battaglie ambientaliste.

Era impegnato anche nella battaglia sindacale con l’Area “Il sindacato è un’altra cosa – Opposizione CGIL” e con l’ultimo Congresso era entrato a far parte del Comitato Direttivo regionale dello SPI, il sindacato dei pensionati della CGIL.

Di origini ebraiche, era orgogliosamente antisionista e impegnato nelle battaglie contro l’occupazione dei territori palestinesi.

E’ stato insegnante di lettere. Uomo colto, è stato anche attore e autore teatrale, formatosi al Teatro Stabile di Genova. Proprio nel dicembre scorso la Compagnia Teatro K ha portato in scena la sua ultima opera, “Incontro fra le due sponde”. “La Nazione”, commentando lo spettacolo, indicava come «La rappresentazione ha approfondito tematiche sociali e morali legate al nostro tempo, scavando nel profondo ‘io’ della società contemporanea». «…una messa in scena vivace e acuta, come è il suo autore».

Caffaz La Nazione.jpg

Praticava l’opera teatrale e letteraria come forma di impegno politico.

Anche la Federazione spezzina del PRC ha voluto dedicargli un bellissimo ricordo.

poi ripreso da diversi giornali on line spezzini – vedi ad esempio.

Così come lo hanno ricordato le tv locali…

Tra i tanti ricordi che abbiamo letto in rete, ne scegliamo uno, con scarni versi che a lui sarebbero probabilmente piaciuti:

“Ciao AUGUSTO, a poche cose/ basta questa vita/ in te, Augusto, furono tutte grandi”.

Ciao Augusto, è stato un privilegio averti al nostro fianco.

I/Le compagn* di Sinistra Anticapitalista della Liguria.