In evidenza

Lor Signori sono superiori…

L’anno 2015 è stato un anno difficile (come anche gli anni precedenti) per le lavoratrici i lavoratori, le/i pensionati ed ancor più per i milioni di disoccupati e cassa integrati.

Non così per altri personaggi noti e meno noti che sono i dirigenti e i manager delle aziende private (qualche volta ne sono anche i proprietari o principali azionisti) e di quelle pubbliche, che anche in questo ennesimo anno di crisi hanno visto aumentare i loro redditi tra bonus milionari, buonuscite d’oro, premi alla carriera e una cascata di “azioni-omaggio”.

Quattro di loro hanno incassato l’ultimo anno più di 10 milioni di euro, dieci di loro più di 5 milioni, altri 50 più di 2 milioni. Su tutti svetta l’uomo della FCA, Sergio Marchione (54,5 milioni). Al secondo posto, ma distanziato, Adil Mehboob Khan che, per un breve passaggio alla Luxotica, ha ottenuto un assegno di 13,5 milioni.

Una menzione particolare spetta a tale Samuele Sorato poco noto al grande pubblico, ma ben conosciuto dai piccoli azionisti e correntisti della Banca Popolare di Vicenza di cui era il dirigente principale. Il suo operato ha portato alla bancarotta dell’istituto che ha subito una perdita 1,4 miliardi nel 2015. A differenza dei cittadini comuni, questo signore non se ne andato con un calcio nel sedere, ma con una buonuscita di 4 milioni di euro. Gli subentra Francesco Iorio che, per accettare l’incarico ha subito preteso una buona entrata di 1,8 milioni. Questi signori avranno poi altri redditi aggiuntivi, dividendi delle azioni, cachet dei tanti consigli di amministrazione in cui seggono, ecc.

Nella giornata del primo maggio è più che mai opportuno ricordare che la lotta di classe è sempre di attualità e che forse questi signori debbono essere cacciati dalle loro poltrone d’oro da un nuovo grande movimento di massa delle lavoratrici e dei lavoratori. Il primo maggio è nato proprio per esprimere la lotta reale degli operai contro i questi padroni sfruttatori.

Di seguito gli stipendi (in migliaia di Euro) dei primi dodici apostoli del capitalismo:

SERGIO MARCHIONNE Exor e controllate + Sgs + Philip Morris    54.533

ADIL MEHBOOB KHAN Luxottica    13.514

G. BATTISTA FERRARIO Italcementi    11.133

CARLO PESENTI Italcementi    10.412

PIETRO SALINI Salini    8.885

FRANCO MOSCETTI Amplifon    8.506

ROBERTO NICASTRO Unicredit    7.098

LUCA BETTONTE Erg    5.819

GIAMPIERO PESENTI Italcementi    5.387

ALBERTO BOMBASSEI Brembo    5.200

JOHN ELKAN Exor e controllate    4.145

ANDREA ABBATI MARESCOTTI Brembo    3.872

La lista più lunga la potete trovare sul sito di Repubblica.it