Messaggio di solidarietà dal campo giovani della Quarta Internazionale sulla repressione in Russia

30o_camp_4hs_ellada_kokkino_webDomenica 11 agosto, 2013 (da International Viewpoint) Noi, partecipanti al 30° Campo Internazionale della Gioventù Rivoluzionaria della Quarta Internazionale, siamo consapevoli delle enormi repressioni politiche dei militanti che hanno preso parte alle proteste democratiche in Russia. Siamo ben informati su quasi 30 persone innocenti che sono oggetto del processo politico, dopo la partecipazione nello scontro con la polizia provocato dal governo russo.

Adesso sono tenuti in condizioni disumane, molti di loro hanno bisogno di assistenza medica, uno di loro è diventato quasi completamente cieco. Alcuni di loro sono militanti politici di sinistra o liberali, alcuni di loro sono solo persone comuni per le quali è stata la prima esperienza di partecipazione ad una manifestazione politica. I leader delle proteste (il liberale Aleksey Navalny e quello della sinistra Sergey Udaltsov) sono anch’essi sotto processo.

Siamo convinti che la responsabilità di questo scontro non è dei cosiddetti “leader delle proteste”, ma del governo russo e della polizia. E’ ovvio per noi che il governo russo non solo provoca questo scontro, ma ha costruito un sistema di governo non democratico, ha effettuato riforme radicalmente predatorie della sfera sociale, e deliberatamente impedito l’impegno civile ai cittadini russi negli ultimi 20 anni. Siamo indignati per il fatto che il governo russo ha rubato la vista al militante di sinistra Vladimir Akimenkov, che incarceri veri combattenti contro il fascismo come Aleksey Gaskarov, che era la figura più importante nella organizzazione del movimento anti-fascista dagli anni ’90 e il giovane militante antifascista Stepan Zimin, che impedisca alla 19enne Aleksandra Duhanina il esercitare il diritto all’istruzione. Siamo pieni di indignazione per il fatto che il governo russo spezza la vita di tanti giovani che ora sono involontari responsabili dei misfatti della classe dirigente.

Siamo sicuri che incarcerando il meglio dei cittadini russi, il regime di Putin non sta risolvendo i suoi problemi, ma sta avvicinando il giorno della grande rivolta di massa. Manterremo uno sguardo vigile sugli attuali sviluppi politici russi, sosterremo i nostri compagni russi, e prenderemo parte alle azioni internazionali di protesta e di solidarietà.

I partecipanti al 30° Campo Internazionale della gioventù rivoluzionaria della Quarta Internazionale da: Argentina, Belgio, Brasile, Bretagna, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Mauritius, Messico, Paesi Bassi, Filippine, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Stato Spagnolo, Tunisia, Turchia, USA.