Ucraina, operai in guerra e gli oligarchi riscrivono le regole del lavoro

In Ucraina, governo e padronato approfittano della guerra per accelerare le riforme ultraliberiste [Laurent Geslin]

Kyiv (Ucraina): “Molti sindacalisti sono in prima linea. Ma cominciano a capire che un altro pericolo li minaccia, e che viene dall’interno. Vitaliy Dudin mescola con cura il suo caffè e ammette che “è difficile pensare in questo momento”, ma che il governo “deve comunque continuare a essere criticato”.
L’uomo è un membro della ONG Movimento Sociale, un’organizzazione con sede a Kiev che fornisce assistenza legale ai lavoratori in lotta. “Siamo in guerra e capiamo che bisogna prendere misure di emergenza per tenere a galla l’economia, ma l’esecutivo sta distruggendo il codice del lavoro. Sta approfittando della situazione per approvare testi in Parlamento senza dibattito o consultazione”.
Due nuove leggi sono state particolarmente denunciate dai sindacati: la “regolamentazione dei rapporti di lavoro durante la legge marziale”, votata il 15 marzo, e soprattutto il disegno di legge 5371 “volto a semplificare la regolamentazione dei rapporti di lavoro nelle piccole e medie imprese e a ridurre gli oneri amministrativi”. Il testo è stato convalidato in prima lettura il 12 maggio e dovrebbe tornare presto al vaglio dei deputati.
Dall’inizio dell’offensiva russa, il 24 febbraio, i lavoratori ucraini sono stati sottoposti a un’immensa pressione. L’economia del Paese è stata gravemente scossa dalla guerra, dopo l’annessione di circa il 20% del territorio nazionale, dopo la distruzione parziale o totale di importanti centri industriali come Kharkiv e Mariupol e dopo il blocco delle merci in transito attraverso i porti del Mar Nero, soprattutto del grano.
All’inizio di aprile, la Banca Mondiale ha stimato che il PIL ucraino si sarebbe contratto del 45% nel 2022, e le previsioni diventano ogni giorno più pessimistiche, mentre al momento non si intravede alcuna soluzione al conflitto.
Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), all’inizio di maggio erano già stati persi cinque milioni di posti di lavoro, su un totale di 17,5 milioni nel Paese entro la fine del 2021, mentre 6,5 milioni di persone hanno lasciato il Paese da febbraio e si ritiene che più di 7 milioni si siano spostate all’interno dell’Ucraina stessa. L’8 giugno, la Kyiv School of Economics, incaricata dal governo di valutare i danni finanziari causati dai combattimenti, ha stimato che “l’importo totale dei danni diretti all’economia ucraina causati dal danneggiamento e dalla distruzione di edifici e infrastrutture residenziali e non residenziali ammonta a 103,9 miliardi di dollari”.

Una legge sul lavoro in tempo di guerra

Oltre a questa notevole distruzione, ci sono diversi testi che completano la deregolamentazione del mercato del lavoro, in particolare la legge sulla regolamentazione dei rapporti di lavoro. Il testo stabilisce che i datori di lavoro possono, tra l’altro, aumentare l’orario di lavoro da 40 a 60 ore settimanali durante il conflitto. Le aziende che non sono in grado di operare possono invece licenziare i propri dipendenti entro dieci giorni.
Tutte le aziende del Paese hanno inoltre la possibilità di sospendere temporaneamente i contratti di lavoro del proprio personale. Sono ancora formalmente impiegati ma non ricevono più lo stipendio, poiché il pagamento degli arretrati deve essere garantito alla fine della guerra in virtù di un ipotetico indennizzo pagato dallo “Stato che ha commesso l’aggressione militare”, cioè la Russia. Si prevede che questa misura avrà conseguenze sociali catastrofiche, poiché il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) sottolinea che un conflitto prolungato potrebbe spingere “più di nove ucraini su dieci nella povertà o quasi”.
“Abbiamo accettato le disposizioni di questa legge d’emergenza, perché poter mantenere il proprio lavoro in tempo di guerra è già una buona cosa”, spiega Vasyl Andreyev, capo del Sindacato ucraino dei lavoratori dell’edilizia e dei materiali da costruzione (PROFBUD), che conta oltre 50.000 iscritti.
“Il problema di queste disposizioni è che non è chiaro in base a quali criteri un dipendente debba continuare a ricevere lo stipendio e quale debba farne a meno”, afferma Veniamin Tymoshenko, presidente dell’Associazione dei sindacati indipendenti dei lavoratori dell’aviazione. “L’aeroporto di Kyiv-Boryspil impiega normalmente 3.200 persone, ma tutti gli edifici sono chiusi dal 24 febbraio e sono protetti dall’esercito. La direzione non specifica quali dipendenti continuino a essere retribuiti. Naturalmente, i sindacalisti non ricevono più alcuna retribuzione”.

La distruzione del diritto del lavoro

Il disegno di legge è stato approvato dal Parlamento ucraino senza essere esaminato o discusso dai parlamentari, ma le sue disposizioni “potrebbero essere necessarie per le aziende distrutte dai combattimenti o situate in prima linea, come la fabbrica Azovstal a Mariupol o le fabbriche di birra a Lyssychansk”, riconosce George Sandul, avvocato dell’ONG Iniziative sindacali, creata dopo la rivoluzione del 2014 e che organizza corsi di formazione legale per i sindacati e i lavoratori in lotta.
“Ciò che è drammatico, tuttavia, è che questo testo prefigura il disegno di legge 5371, che non è destinato a essere sospeso alla fine dei combattimenti, e che completa la distruzione del codice del lavoro ucraino, approfittando del divieto di scioperi e manifestazioni durante la legge marziale. Questo testo non è conforme agli standard europei che l’Ucraina dovrà rispettare se vorrà aderire all’Unione.
Nelle aziende con meno di 250 dipendenti, le regole di assunzione e licenziamento, l’ammontare dei salari e delle indennità, l’orario di lavoro e i periodi di riposo saranno determinati liberamente.
Il disegno di legge riguarda le aziende con meno di 250 dipendenti, che impiegano il 70% dei lavoratori ucraini. Permette ai datori di lavoro e ai lavoratori di negoziare direttamente i contratti senza essere vincolati dal codice del lavoro ucraino.
In altre parole, tutte le regole di assunzione e licenziamento, l’ammontare dei salari e delle indennità, gli orari di lavoro e i periodi di riposo possono essere determinati liberamente, “per mutuo consenso di entrambe le parti”.
“Con questo nuovo testo, sarà possibile scrivere letteralmente tutto e il contrario di tutto sui contratti dei dipendenti. Per esempio, motivi assurdi di licenziamento, o addirittura una settimana lavorativa di 100 ore, e tutto a discrezione del committente”, continua George Sandul. Ma come può un dipendente negoziare alla pari con il proprio capo? Come potete imporre le vostre condizioni a ricchi oligarchi come Rinat Akhmetov o Ihor Kolomoysky, che danno lavoro a centinaia di migliaia di persone?
“Siamo in uno dei Paesi più corrotti d’Europa e il diritto del lavoro è stato uno degli ultimi a proteggere i più poveri”, sottolinea. In una crisi come quella che stiamo attraversando, questa legge trasforma i lavoratori in schiavi.
Secondo il governo, il disegno di legge 5371 dovrebbe semplicemente rilanciare l’economia ucraina e semplificare le norme sul lavoro. Afferma che le norme sul lavoro sono ancora regolate dal Codice sovietico del 1971, anche se da allora è stato modificato più di 200 volte.
Zelensky aveva già spiegato, quando è diventato presidente nel 2019, di voler “cambiare il Codice del lavoro a favore delle imprese”.
“L’eccessiva regolamentazione del lavoro contraddice i principi dell’autoregolamentazione del mercato e della moderna gestione del personale, non risponde alle esigenze odierne e crea molti ostacoli burocratici ingiustificati allo sviluppo dei dipendenti e alla competitività dei datori di lavoro”, spiega Hanna Lichman, deputata del partito servitore del popolo, il partito del presidente Volodymyr Zelensky, e membro della commissione parlamentare per lo sviluppo economico. Le innovazioni apportate alla legge saranno vantaggiose per entrambe le parti e consentiranno di includere alcune opzioni e vantaggi aggiuntivi per il dipendente.
Per i suoi promotori, questo testo dovrebbe anche riportare nel settore legale una buona parte dei tre milioni di persone che lavorano illegalmente nel Paese.
Il Presidente Zelensky aveva già spiegato la sua volontà di “modificare il Codice del Lavoro a favore delle imprese” al momento del suo insediamento nel 2019, ma il disegno di legge 5371, presentato inizialmente nell’aprile 2021, ha superato il voto del Parlamento solo il 12 maggio.
“I parlamentari temevano la reazione dei lavoratori ucraini, ma con la guerra si è aperta una finestra di opportunità che stanno sfruttando”, afferma l’avvocato George Sandul, “e vale la pena notare che i deputati della coalizione Piattaforma per la vita e la pace, un partito filorusso che è stato bandito lo scorso marzo, hanno votato a favore della legge. È comprensibile che, nel contesto attuale, non abbiano opposto molta resistenza. Gli altri partiti di opposizione si sono cautamente astenuti.
Il disegno di legge 5371 è stato presentato ufficialmente da Halyna Tretyakova, capo della commissione parlamentare per la politica sociale e membro del partito al potere. È stato sviluppato da una ONG ucraina, l’Ufficio per le soluzioni semplici e i risultati, creato dall’ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili, che un tempo era tornato in grazia con Volodymyr Zelensky dopo essere stato in prigione sotto il suo predecessore Petro Poroshenko, e che lavora con le associazioni imprenditoriali ucraine.
Dal 2020, il Regno Unito fornisce consulenza al Ministero dell’Economia ucraino su come approvare una nuova legislazione sul lavoro, attraverso la società di consulenza Abt Associates, il cui piano di comunicazione è stato rivelato dalla Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU) nel novembre 2021. Ha suggerito che il ministero dovrebbe “rendere i suoi messaggi più semplici ed emozionali” e incoraggiare incontri informali di opinion leader per comunicare al pubblico.
Né Halyna Tretyakova né l’Ufficio per le soluzioni e i risultati semplici hanno risposto alle richieste di intervista di Mediapart.

L’ingresso di lavoratori stranieri

Con la scomparsa delle tutele garantite dal Codice del Lavoro ucraino, per non parlare della guerra, l’emigrazione accelererà ancora di più, tutti lasceranno l’Ucraina, mentre già mancavano lavoratori qualificati, soprattutto nel settore delle costruzioni”, sospira Vasyl Andreyev, sindacalista del settore edile. È stato in parte a causa di questa carenza che i salari sono aumentati bruscamente negli ultimi anni, passando da una media di 250 euro al mese nell’edilizia per 60 ore di lavoro a settimana nel 2014, a 1.000 euro l’anno scorso”.
Secondo la Banca Mondiale, nel 2021 l’Ucraina ha ricevuto più di 18 miliardi di dollari in rimesse dall’estero, compresi i trasferimenti dalla Polonia. Si prevede che questa cifra aumenterà ulteriormente nel 2022, dato che milioni di rifugiati hanno lasciato l’Ucraina negli ultimi mesi.
“Non tutti i rifugiati che sono partiti torneranno dopo la guerra. Ma chi se ne frega, l’industria ucraina è già stata in gran parte distrutta e gli oligarchi avranno presto bisogno solo di 15 milioni di persone per tenere in piedi l’agricoltura e il settore dei servizi”, ironizza il sindacalista aeronautico Veniamin Timoshenko.
Il 9 giugno, la commissione parlamentare ucraina per la politica sociale, presieduta da Halyna Tretyakova, ha organizzato una tavola rotonda sul tema “L’utilizzo della manodopera straniera in Ucraina”. La conclusione principale è stata che per rendere l’economia ucraina “più competitiva” è necessario attrarre manodopera straniera, ad esempio abolendo i permessi di lavoro.
“La maggioranza dei cittadini ucraini è insoddisfatta del livello dei salari nel nostro Paese e cerca una vita migliore nei Paesi occidentali. Stiamo assistendo a un esodo di manodopera”, ha spiegato Mykhailo Tsymbalyuk, vicepresidente della stessa commissione. Se per gli imprenditori è difficile trovare personale in loco, è quindi necessario creare buone condizioni di lavoro per i cittadini di altri Paesi.
In altre parole, in Ucraina sarà presto possibile impiegare legalmente gli immigrati per salari da miseria, senza che siano tutelati da alcuna legge sul lavoro. Sostituiranno gli ucraini che sono diventati troppo costosi e quelli che se ne vanno per guadagnarsi da vivere in Europa occidentale.
“La società civile ucraina è frammentata, debole e divisa, ma si sta ricostruendo qualcosa in trincea”, afferma Leonid Stoikov, anch’egli membro della ONG Iniziative Sindacali.
“I volontari ucraini evacuano le persone minacciate dai combattimenti, raccolgono denaro per l’esercito e organizzano gli aiuti umanitari. Queste persone chiederanno rispetto quando la guerra finirà, chiederanno conto al governo. Come dicevano i cosacchi, “solo gli schiavi non sono ammessi in paradiso”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: