Come lavoratori e cittadini pagano i conti di una banca. Il caso della Carige

Fatti e misfatti della prima banca ligure tra cronaca giudiziaria, dati economici e faide interne

da Genova, Leo S.

 clicca qui per leggere l’articolo sulla vicenda della Carige

Il-palazzo-della-sede-Carige-a-Genova-e1414494621799-1068x727

Da settimane la vicenda di banca Carige è al centro delle attenzioni dei giornali e tv locali di Genova e Liguria, con notizie e fatti nuovi. Ultima in ordine di tempo, la denuncia fatta dal principale azionista Vittorio Malacalza (dato oggi al 24% e che punta al 28%) contro i rappresentanti della cordata opposta: Mincione-Volpi-Spinelli, a  suo dire, colpevoli di aver violato le regole della normativa bancaria della BCE, e conseguente richiesta alla magistratura di bloccare la lista e di inibire il voto ai suoi  rappresentanti, all’assemblea degli azionisti in programma per il prossimo 20 Settembre. Segno di quanto si stia inasprendo lo scontro inter-borghese per il controllo di Carige. Uno scontro che va avanti da mesi all’interno della banca che – neppure con l’ ultima ricapitalizzazione – può dirsi coi bilanci a posto e fuori dal rischio default. L’ultimo capitolo, per ora, la spaccatura, mentre pubblichiamo questo articolo del fronte dei piccoli azionisti. Un annuncio di Beppe Damasio, il piccolo azionista storico di Banca Carige e ex presidente del comitato che tentò, fallendo, la class action contro la “mala gestio” della banca ha motivato la rottura da parte di «lui ed altri» che non seguiranno l’Associazione piccoli azionisti di Banca Carige nel sostegno alla lista del finanziere Raffaele Mincione optando invece per quella della Malacalza Investimenti. «Perdite del valore delle azioni superiori al 90-95 % e oltre hanno origine in fatti delittuosi come è avvenuto in Carige».

Pubblichiamo in allegato, il pdf, di un articolo di approfondimento scritto da un compagno della sezione di Genova che oltre a ricostruire i fatti principali della storia della banca – utili per capire la situazione attuale – ricorda il prezzo pagato dai lavoratori e dai cittadini con l’ ultima ricapitalizzazione.

FATTI E MISFATTI DELLA PRIMA BANCA LIGURE