In evidenza

Solidarity: organizzarsi per fronteggiare Trump

L’elezione di Trump vista dall’estrema sinistra Usa: le politiche neoliberiste sono state devastanti e i democratici hanno lavorato per sabotare Sanders. Ora non piangere, organizzare. L’editoriale diSolidarity

15632521_1477674627-0022

Come milioni di persone qui e in tutto il mondo, ci siamo svegliati questa mattina sgomenti e spaventati dal fatto che Donald Trump è stato eletto presidente. La sua vittoria è parte di un modello globale di un ascendente destra populista, sulla scia del voto ugualmente inaspettato a favore della Brexit nel Regno Unito, e, come la Brexit, viene celebrata dall’ala destra dei leader nazionalisti in Europa come Marine Le Pen.

Il risultato delle elezioni è, senza dubbio, in parte espressione del suprematismo bianco. Ma è più di questo: molti commentatori hanno già fatto notare che la contesa nella Rustbelt (gli stati del NordEst, i Grandi Laghi, ndr) ci dice cheprobabilmente il prezzo per Clinton sia stato pagato in aree in cui Obama aveva ottenuto risultati significativamente migliori tra gli elettori bianchi nel 2008 e nel 2012 rispetto a Clinton nel 2016, complicando ogni suggerimento che i risultati sono semplicemente espressione di razzismo degli elettori bianchi.

Il fatto è che le politiche neoliberali della classe dominante sono state devastanti le vite e le comunità di persone che lavorano per decenni, e Hillary Clinton è giustamente vista da molti come l’incarnazione dell’estabilshment. Per molte persone bianche, il risentimento per tutto questo prende la forma di razzismo e di rabbia xenofoba, ma le sue cause profonde sono più ampie, e per superare il gioco razzista la sinistra deve affrontare legittimamente queste cause alla radice.

Tragicamente, come i repubblicani hanno ceduto il controllo del loro partito al populismo di destra di Donald Trump, i democratici hanno puntato sul centro neoliberista. Il DNC (il comitato nazionale democratico, ndr) ha utilizzato tutti gli strumenti che dovevano sabotare la nomination di Bernie Sanders – un candidato populista che in quasi ogni sondaggio andava meglio contro Trump rispetto a quanto fatto da Clinton, e che ha affrontato molte delle insicurezze economiche che hanno nutrito Trump. Avendo aperto la strada in modo antidemocratico per un candidato che quasi nessuno in realtà vedeva bene, il Pd ha proceduto a una campagna di destra, prendendo per certi i voti della sinistra e delle persone di colore, per cercare di conquistare gli elettori conservatori. Ci sono alcune prove che il DNC ha anche incoraggiato una vittoria alle primarie di Trump sul presupposto che avrebbe facilitato una vittoria elettorale generale, consentendo ai Democratici di catturare voti conservatori meno razzisti.

Nel frattempo, il Partito dei Verdi – la più visibile alternativa alla sinistra dei democratici – sembra aver preso meno dell’1% dei voti; un risultato deludente per coloro che cercano di costruire i Verdi come partito della sinistra (ci sono molti elementi di convergenza con un programma anticapitalista, ndr), molti dei quali puntando al 5% come obbiettivo (avrebbe permesso il rimborso delle spese elettorali e la possibilità di dedicarsi al rafforzamento del partito, ndr) come un obiettivo, ma questo risultato è del tutto insignificante rispetto al numero di democratici e indipendenti che è rimasto a casa o, peggio, ha abbandonato la nave per votare per Trump.

In poche parole: c’è un vuoto a sinistra della politica statunitense. Nessuna analisi seria potrebbe concludere che l’ala presidenziale del Partito Democratico rappresenta qualcosa di più, nella migliore delle ipotesi, un neoliberismo calcolato dal volto umano. Sono proprio queste politiche che hanno generato il malcontento popolare di massa che vediamo tra tutti i dati demografici e tutte le parti dello spettro politico. L’assenza di qualsiasi alternativa sinistra ha fatto sì che lo scontento stato si sia invece incanalato verso destra, almeno in termini elettorali.

Dobbiamo sconfiggere l’agenda dell’estrema destra agenda della supremazia bianca e del nazionalismo che Trump rappresenta. Le nostre vite letteralmente dipendono da questo. Ma l’unico modo per sconfiggere la destra è con la costruzione a sinistra. Non possiamo vincere questa battaglia con la costruzione di una maggiore unità dietro candidati scelti della classe dirigente e la loro agenda neoliberista; anche se la paura di qualcosa di peggio avesse mobilitato abbastanza persone per consegnare una vittoria alla Clinton in questa elezione, o anche se riaccadesse per una come lei nel 2020, sarebbe come  “dare calci il barattolo per la strada”, mentre la destra continuerebbe a crescere più forte. Per vincere abbiamo bisogno di costruire un mondo migliore.

Per fare questo, abbiamo bisogno di organizzarci. Abbiamo bisogno di costruire potere politico veramente indipendente che può consentirci di costruire uno strumento per intervenire significativamente nella battaglia elettorale, a partire a livello locale; l’Alleanza Progressista di Richmond – che ieri ha vinto tre gare locali per ottenere una maggioranza al governo della città di Richmond, California – è un esempio di ciò che questo potere elettorale di base potrebbe fare. (Un modo per essere coinvolti in questo lavoro è quello di partecipare alla conferenza degli eletti della sinistra a Chicago, 03-05 marzo, 2017). Anche le lotte degli insegnati in Massachusetts sono un esempio incoraggiante di quello che possiamo fare quando si organizzano i lavoratori contro il programma di privatizzazione neoliberista, le cosiddette “Charter Schools”.

Dobbiamo sostenere e costruire il Black Lives Matter, gli sforzi in lotta in solidarietà con la Standing Rock Sioux contro il Dakota Pipeline, gruppi per i diritti degli immigrati, e di altre organizzazioni che possono costruire il contropotere delle persone più vulnerabili al programma di Trump e alla violenza dei suoi sostenitori di estrema destra. E’ anche importante che costruiamo rinnovata organizzazione della classe operaia, sindacalismo sociale, anche con forme di organizzazione nuove e innovative, in grado di unire i lavoratori attraverso la solidarietà di classe e rompere l’influenza della narrazione razzista sui lavoratori bianchi.

Infine, abbiamo bisogno di costruire un’organizzazione rivoluzionaria. La soluzione definitiva alla matrice terrificante di forze che dobbiamo affrontare nel mondo di oggi può essere niente di meno che il rovesciamento del capitalismo e dei sistemi di supremazia bianca e heteropatriarchy che prop in su e forma il suo impatto. Non otterremo un mondo socialista senza organizzazione socialista. Incoraggiamo fortemente tutti quelli impegnati a lottare per un mondo giusto a trovare, unire, e contribuire a costruire un’organizzazione rivoluzionaria, come Solidarity.

Oggi, abbiamo tutti paura di ciò che verrà dopo, e tutti abbiamo bisogno di check-in con i nostri amici, parenti e compagni per assicurarco il nostro benessere emotivo e fisico. Ma non possiamo permetterci di aspettare fino a domani per ricostruire una vibrante, sinistra anticapitalista in grado di combattere e vincere. Siamo pienamente d’accordo con le parole di tante labbra oggi: non piangere, organizzare.

Traduzione di Gugol McKearon

title

Solidarity è un’organizzazione socialista rivoluzionaria vicina alle posizioni della Quarta Internazionale