In evidenza

Stato spagnolo: dichiarazione di Anticapitalistas alla vigilia delle elezioni del 26 giugno

Abbiamo di fronte a noi alcune settimane di enorme importanza. In questa campagna elettorale si esprimeranno molteplici contraddizioni, progetti differenti. Nella lotta politica che si sviluppa in queste settimane si condenseranno battaglie di anni, conflitti sociali di lungo respiro. Il fatto è che queste elezioni non sono una tornata elettorale di più. L’importanza di questa battaglia elettorale si riflette nel nervosismo dei portavoce delle élite economiche, politiche e nella società civile. Gli attacchi di panico che vediamo tutti i giorni in quelle grandi imprese che sono i mezzi di comunicazione sono una buona dimostrazione di ciò: la cittadinanza vota male! Radicalismo!

Queste elezioni sono storiche perché, per la prima volta in molti anni, una forza che rappresenta le istanza di cambiamento dei ceti subalterni può vincere le elezioni. Unid@s Podemos esprime in forma complessa che il popolo ne ha abbastanza, l’idea che non possiamo proseguire come abbiamo fatto fino ad ora. Però contemporaneamente, esprime la coscienza che l’economia non può continuare a significare profitti per pochi e sfruttamento per la maggioranza, che la democrazia non si riduce al voto, che abbiamo diritto a costruire una vita con un minimo di garanzie.

Queste rivendicazioni sono legittime e ragionevoli. Ma non si ottengono senza lotta. Non ce li regala nessuno. Bisogna conquistarli con vittorie elettorali, mobilitazione sociale ed auto-organizzazione popolare autonoma. Contro i corrotti e contro i banchieri, contro le strutture di una Unione Europea guidata da fanatici dei tagli e dell’austerità ed anche, perché non dirlo, contro un certo senso comune che ci hanno inoculato per decenni, che sostiene che non possiamo fare altro che competere tra lavoratori, che non possiamo cambiare le cose.

La nostra battaglia è politica, economica e culturale e di lungo respiro. Ma ci giochiamo molto anche nel breve termine: vincere queste elezioni comporterebbe un primo passo imprescindibile per cominciare a materializzare quelle rivendicazioni. PP, PSOE e Ciudadanos costituiscono un blocco politico che, sebbene non sia monolitico, ha l’obiettivo di mantenere lo “status quo”, garantire che le politiche di austerità continuino a tagliare diritti ed approfondire un tendenza autoritaria che releghi la democrazia ad una questione puramente formale. La sua sconfitta è una vittoria per le nostre aspirazioni. La nostra vittoria è un’opportunità affinché i nostri sogni incomincino a prendere forma.

Anticapitalistas fa appello a partecipare attivamente alla campagna elettorale. Voto per voto, atto per atto, quartiere per quartiere, fabbrica per fabbrica, persona per persona, la nostra forza sta nel fatto che arriviamo dove i grandi apparati di partiti non arrivano, nel non essere un corpo estraneo nel quotidiano, nell’essere parte delle masse lavoratrici. È il momento di una grande mobilitazione popolare per sconfiggere i partiti delle élite e per prepararci alle sfide che vengono dopo la vittoria.

Per questo, è il momento di votare Unid@s Podemos e contemporaneamente di organizzarci in tutti gli spazi possibili. È il momento di vincere le elezioni e di cominciare a cambiare tutto.

Anticapitalistas, 8 giugno 2016 http://www.anticapitalistas.org