In evidenza

Referendum No Triv, votare Sì

Votare SÌ per dire no alle trivellazioni in mare
Comunicato di adesione di Sinistra Anticapitalista alla campagna referendaria NoTriv

Il prossimo 17 aprile saremo tutte/i chiamate/i a votare nel referendum sulle trivellazioni in mare, potendo esprimerci riguardo allo sfruttamento del petrolio al largo delle coste italiane. Questo referendum è l’occasione per affermare che il valore ambientale, sociale, agricolo, turistico del nostro territorio non può essere messo in pericolo dai favori che il governo vorrebbe continuare a concedere alle compagnie petrolifere. Tutto ciò mentre a parole, invece, afferma di voler fare la sua parte a livello internazionale per affrontare la questione dei cambiamenti climatici e della dipendenza dalle fonti di energia fossile.

Sinistra Anticapitalista aderisce alle mobilitazioni referendarie e invita tutte/i a votare SÌ per abrogare la norma che consente alle Società, già titolari di permessi e concessioni, di sfruttare un giacimento entro il limite delle 12 miglia marine anche oltre la scadenza, per tutta la “durata della vita utile del giacimento”, ovvero praticamente per sempre.

Nel sostenere un modello produttivo ed energetico anticapitalista ed ecosocialista, ribadiamo la nostra opposizione allo sfruttamento delle fonti di energia fossile, causa primaria del riscaldamento del pianeta e dei danni irreparabili alla salute e agli ecosistemi, danni di cui col passare del tempo abbiamo prove scientifiche sempre più evidenti.

Il governo sta cercando di boicottare questo referendum: nonostante gli appelli mossi perché si accorpasse il voto referendario alle elezioni amministrative – risparmiando così centinaia di milioni di euro – ha infatti evitato l’election day al fine di dissuadere la partecipazione popolare, incurante dei più semplici principi democratici e dell’enorme sperpero di denaro pubblico. Come se non bastasse la data del 17 aprile riduce al minimo i tempi per una adeguata campagna di informazione ai cittadini.

Sostenendo con forza il SÌ al referendum contro le trivellazioni, Sinistra Anticapitalista si impegna a contribuire attivamente al suo buon esito nei territori e all’interno dei comitati locali, in modo fortemente unitario ma ribadendo al tempo stesso la necessità di farla finita con un modello di sfruttamento sociale e ambientale insostenibile e di lottare risolutamente per un’alternativa ecosocialista.