In evidenza

Tutte e tutti a fianco del popolo greco

Appello

Manifesto GreciaSinistra Anticapitalista raccoglie l’appello lanciato qualche giorno fa da Syriza perché in Grecia e in tutta Europa si sviluppi una lotta contro i ricatti della Troika e contro lo strangolamento del popolo greco e della sua scelta democraticamente espressa nelle elezioni del 25 gennaio.

Fin dai giorni immediatamente successivi alla vittoria elettorale di Syriza le istituzioni europee hanno preteso di dettare le scelte di politica sociale al nuovo governo ellenico, come hanno fatto per anni con i precedenti governi di Atene. Per queste istituzioni l’obiettivo della politica economica di un governo non è quello di migliorare le condizioni di vita del popolo che gli ha dato un mandato, ma è il rimborso del debito e dei suoi esorbitanti interessi. A costo di tagliare ancora le pensioni, la sanità, i servizi, di licenziare altre migliaia di dipendenti pubblici, di svendere e privatizzare tutto.

Il governo Tsipras ha cercato di trovare un compromesso con queste istituzioni, sperando di riuscire a prendere tempo. Ma la linea della Troika non è cambiata né si è ammorbidita. Nelle prossime settimane lo scontro si farà ancora più acuto, e gli spazi di compromesso, se mai sono esistiti, svaniranno del tutto.

L’unica cosa che a questo punto potrebbe incidere sulla politica di Bruxelles e della Troika è l’apparizione di un movimento di massa in Grecia e in tutti i paesi europei che si opponga con nettezza ai ricatti e allo strangolamento. E’ questo, d’altra parte, quello che auspica il comunicato della segretaria politica di Syriza.

Facciamo appello dunque a tutte e tutti i democratici che vedono nella vicenda greca una fondamentale occasione di svolta rispetto alla maniacale politica neoliberista adottata dai governi europei (sia di destra che di centrosinistra), alle forze politiche della sinistra, ai sindacati, ai movimenti sociali solidali con il popolo greco perché si costruiscano, nei posti di lavoro, nei quartieri, nelle città, nelle scuole, nelle università, comitati di solidarietà con il popolo greco e perché si sviluppi nel nostro paese (così come in tutti gli altri paesi d’Europa) un largo movimento contro i ricatti e lo strangolamento del popolo greco.

No ad ogni nuovo memorandum, no ai ricatti, il mandato del popolo greco al suo governo non è negoziabile

Tutte e tutti a fianco del popolo greco