Roma: Sinistra Anticapitalista contro gli sgomberi

Ancora nel mirino della questura le famiglie senza casa che avevano occupato i palazzi di di via delle Acacie 56 a Centocelle e l’ex scuola Hertz sulla Tuscolana, al civico 113. Questa mattina la polizia in assetto antisommossa ha blindato il quartiere e iniziato le operazioni di rastrellamento. Un gesto che smentisce gli accordi presi il 19 marzo – quando, assieme alle stesse famiglie, fu sequestrato l’Angelo Mai – e alza la tensione in città già altissima per le dichiarazioni di guerra del ministro di polizia, Angelino Alfano, a caccia di voti dopo aver arruolato buona parte della “fascisteria” romana e delle consorterie dell’Udc nel suo Nuovo Centro Destra. Più in generale il governo Renzi punta a blindare i territori per soffocare il conflitto sociale che scatutirà dai suoi “piani” per casa e lavoro. Sinistra anticapitalista di Roma è solidale con le lotte per il diritto all’abitare, per casa-dignità e reddito e si domanda se il sindaco Marino sia complice o succube di Alfano. I voti del Pd, nelle stesse ore degli sgomberi, a favore della delibera del primo municipio per vietare i cortei nel centro storico, fanno credere che la repressione sia la risposta della Giunta capitolina ai bisogni espressi dalle fasce sociali più deboli della città.

Sinistra anticapitalista di Roma