Un appello per un documento alternativo nel prossimo congresso Cgil

Riprendiamo da vari siti il seguente appello e lo pubblichiamo per il suo evidente interesse. Esso propone una linea di lotta politica nella Cgil in vista del prossimo congresso (previsto per l’inizio del prossimo anno) contro le posizioni sostenute e praticate dal gruppo dirigente raccolto attorno a Susanna Camusso.

Opponiamoci al governo dell’austerità

RIPRENDIAMOCI LA CGIL!

Per un sindacato democratico e di classe

Per aderire: riprendiamocilacgil@tiscali.it

riprendiamocilacgil.wordpress.com/firma

La crisi e vent’anni di politiche liberiste basate sull’austerità e sull’Europa della finanza e del grande capitale hanno drasticamente peggiorato le condizioni di lavoro e di vita delle lavoratrici e dei lavoratori. In questi anni di crisi, utilizzando la disoccupazione di massa come arma di ricatto, i governi che si sono succeduti hanno distrutto diritti, impoverito salari, pensioni e stato sociale, spesso con le complicità di Cisl e Uil e anche della dirigenza Cgil che, con la manifesta perdita di autonomia verso i governi sostenuti dal PD, non è stata in grado di frenare questa deriva. Per questo, serve oggi un’altra Cgil. Una Cgil che proponga un modello alternativo a quello europeo della Troika e della spending review e che si opponga alle ristrutturazioni e alle chiusure delle fabbriche, anche avendo il coraggio di proporre politiche di nazionalizzazione!

Il sistema pensionistico pubblico è stato massacrato da innumerevoli controriforme. L’ultima, quella della Fornero, ha di fatto cancellato le pensioni di anzianità. I sindacati confederali, con solo 3 ore di sciopero, non hanno nemmeno provato a opporsi.

Gli ammortizzatori sociali sono diventati un’elemosina, è stata distrutta ogni relazione tra essi e il diritto al lavoro e a un reddito dignitoso.

Lo stato sociale è ormai ridotto ai minimi termini, la scuola, la sanità e tutti i servizi pubblici subiscono tagli sempre più pesanti.

Il salario non basta più, la povertà si estende anche tra chi lavora e le disuguaglianze tra lavoro e profitto aumentano sempre di più. Dall’abolizione della scala mobile, il salario della contrattazione nazionale ha sempre perso rispetto all’inflazione e la tanto fantasticata contrattazione aziendale non è stata in nessun modo in grado di redistribuire i profitti. Il blocco degli stipendi nel settore pubblico per cinque anni è il segno più eloquente di questo sistema.

La precarietà è dilagata in tutto il mondo del lavoro e i diritti stanno diventando un ricordo del passato. La brutale manomissione dell’articolo 18 da parte del governo Monti – cui la dirigenza Cgil non si è opposta come aveva promesso, perdendo di autonomia e accettando di fatto gran parte della linea politica del PD – ha gravemente compromesso i rapporti di forza nei luoghi di lavoro.

Il contratto nazionale viene smantellato pezzo per pezzo e la contrattazione, soprattutto quella aziendale, finisce spesso per essere “di restituzione”, ovvero uno strumento in mano alle aziende per rendere più flessibile e prolungare l’orario, per diminuire il salario, per annullare i diritti. Insomma, per aumentare lo sfruttamento.

A questo serve il gravissimo patto Cgil Cisl Uil e Confindustria sulla rappresentanza, che, ratificando il concetto che chi non accetta un accordo è di fatto escluso dalle agibilità sindacali, lega la rappresentanza sindacale alla rinuncia al conflitto e, concedendo alle imprese l’esigibilità dei contratti, accetta in pieno il “sistema Marchionne”.

Cosa hanno fatto i sindacati confederali per difendere il mondo del lavoro da questi attacchi? Cisl e Uil sono via via diventate complici a tutti gli effetti del sistema padronale, mutando quasi geneticamente la natura sindacale delle loro organizzazioni.

Ma cosa ha fatto la dirigenza della Cgil negli ultimi anni per segnare la differenza e reggere sul terreno dei diritti e della democrazia? Troppo spesso, non ha fatto abbastanza. E troppo spesso non perché ha perso delle battaglie, ma perché non le ha nemmeno combattute, dando partita vinta a governo e padronato prima ancora di provare a resistere, in nome di una compatibilità al sistema in cui chi ha duramente pagato sono sempre stati i lavoratori e i pensionati.

Un sindacato così non ci serve: sta diventando una casta di burocrati – tra attivi e pensionati – spesso utilizzata come strumento di sostegno di partiti e progetti politici che non hanno più niente a che vedere con gli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori, dei pensionati e delle pensionate.

Eppure mai come adesso c’è bisogno di SINDACATO! Ma occorre che la CGIL cambi radicalmente e subito!

Altrimenti con il governo delle larghe intese passeranno altre controriforme anti-operaie e anti-popolari e anche il patrimonio storico rappresentato dalla Cgil e dalle sue categorie verrà disperso, riducendo il sindacato da un fondamentale strumento di conflitto, democrazia e tutela dei diritti in un “ente inutile” in grado soltanto di erogare servizi.

Noi siamo delegate e delegati, pensionate e pensionati appartenenti a varie sensibilità all’interno della Cgil. In questi anni, abbiamo mantenuto il dissenso e la opposizione alla deriva di un gruppo dirigente della Cgil che ha scelto di non lottare contro le politiche europee di austerità e di ricostruire a tutti i costi l’unità con Cisl e Uil e la concertazione con la Confindustria. Non è accettabile che nel momento peggiore da decine e decine di anni, le lavoratrici e i lavoratori, i precari e i disoccupati, le pensionate e i pensionati, siano rappresentati dalla peggiore direzione sindacale. A tutto questo bisogna reagire e non rassegnarsi.

Per cambiare la CGIL serve una netta rottura con la politica della concertazione e con le consuetudini dell’apparato burocratico. Bisogna rilanciare il conflitto e la lotta e costruire le basi per una piattaforma rivendicativa basata sulla vera urgenza del paese, cioè le condizioni di lavoro e di vita di milioni di lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati.

La nostre priorità sono i diritti, la democrazia, la partecipazione dei lavoratori e la loro votazione su piattaforme, accordi e contratti, l’aumento dei salari e la riduzione dell’età pensionabile, la riduzione dell’orario di lavoro e la redistribuzione del lavoro, la lotta alla precarietà, la riconquista del contratto nazionale e l’art.18 per tutte e tutti e la difesa di uno stato sociale pubblico e partecipato.

Il prossimo congresso della Cgil sarà l’occasione per tentare di far valere queste priorità, proponendo un’idea radicalmente alternativa di quello che pensiamo che la Cgil dovrebbe essere, di come dovrebbe funzionare e di quali dovrebbero essere le sue parole d’ordine. Per questo crediamo sia utile che delegate e delegati, iscritte e le iscritti provino a riprendersi la Cgil e mettano in discussione quella larga parte di dirigenza che ha preso le sembianze di una casta burocratica. Facciamo appello a tutte e tutti coloro che non accettano l’attuale linea della Cgil affinché si attivino per condividere un percorso dal basso di cambiamento e produrre un documento congressuale alternativo per sostenere la necessità della svolta.

Firme

Fausto Alborghetti, Rsu Fiom Brembo (BG) – Simonetta Annibali, FILT CGIL (RM) – Marco Arturi, Rsu Fiom Oerlikon (To) – Marco Bordacconi, Comitato Iscritti Filctem Enel Albano (RM) – Sandro Campioni, FILCTEM CGIL (FR) – Massimo Cappellini, Rsu Piaggio (PI) – Carlo Carelli, RSU Filctem Lodi – Massimo Chiesi, Rsa Filt TNT (TO) – Antonello Colaiacomo, RSU FILT Atac (RM) – Leonardo De Angelis, RSU S.I. (RM) – Anna Della Ragione, RSU- FLC (LI) -Francesco Doro, Rsu Fiom Officine Meccaniche (PD) – Stefania Fantauzzi, Rsa Fiom Fiat Termoli (CB) – Delia Fratucelli, RSU SLC Poste Italiane (TO) – Antonio Forlano, Rsu Ups Filt-Cgil (MI) – Domenico Loffredo, operaio Fiom-Cgil Fiat Pomigliano (NA) – Pasquale Loiacono, Rsu Fiom Carrozzerie Mirafiori (TO) – Danilo Lollobrigida, RSU Filctem HP, Pomezia Castelli (RM) – Luciano Lorandi, Rsa Sait Filcams-Cgil (TN) – Aurelio Maccio, Rsu FP Ministero della Salute (GE) – Giorgio Mauro, RSU Fiom Same (BG) – Orlando Maviglia, Rsu Minarelli motori Fiom (BO) – Domenico Mingarelli, FILT (FR) – Pina Mazzamurro, Comitato Iscriti Filctem Eni R&M (RM) – Michele Mililli, Rsu FP Acquedotto comunale (RG) – Massimo Paparella, Oerlikon Fiom (BA) – Alfonsina Palumbo, Rsa Fisac Equitalia (BN) – Enrico Pellegrini, Rsa Filcams Musei Civici (VE) – Patrizia Rigotti, Flc (TN), Nando Simeone, RSA Filcams Farmacap (RM) – Gennaro Spigola, SPI (RM) – Diana Terzi, Rsu Flc-Cgil (MO)

Per aderire riprendiamocilacgil@tiscali.it Cell. 3400884260

Enzo Abbatangelo, Rsu – Fiom Molificio Sant’Ambrogio (BG); Sebastiano Abbrescia, Rsu RAI Bari; Teresa Aiello, Rsu FP Polizia Municipale Comune Trieste; Massimo Albinelli, Rsu Filctem Ascot (MO); Fabrizio Allegretti, Rsu Fiom Iveco Mantova; Francesco Anfossi, Dir. Cgil Pavia; Alessandro Antonini, Enel Resp. Com. iscritti Filctem Albano (RM); Riccardo Antonini, licenziato FS Viareggio (LU); Bacchelli, Rsu Fiom IMA (BO); Roberta Baiano, Flc (LI); Alberto Balderi, SPI (SP); Edgr Banja, Rsu Danieli & C. (TS); Chiara Barani, Rsu FP Comune Castelnuovo (MO); Dante Bedin, FLC (TV); Giancarlo Benazzi, FLC scuola (MI); Silvia Benedetti, RSU Fiom Lag (MO); Fulvia Benolich, Nidil (TS); Matteo Beretta, Rsu Fiom Fincantieri Marghera (VE); Andrea Berruti, Rsu Fiom Filippi (PD); Ugo Bertinelli, Rsu Fiom Sma (PR); Alberto Bertoli, Gasket (BG); Antonella Bertolucci, Ospedale Unico della Versilia (LU); Paolo Bettuzzi, Rsu Fiom Robuschi (PR); Fiorigia Beverelli, FLC (LI); Stefano Bezzicheri, Rsu Nuova Maip Fiom; Donatella Bilardi, Rsu Poste Italiane (BO); Daniela Bolato, Rsu Filctem (PD); Ortensio Bonacina, Rsu Fiom Bianchi FIV (BG); Ivan Bonazzi, Rsu Riom Fiber (BG); Marco Bonzi, Rsu Fiom Rulmeca (BG); Marco Bordacconi, Com. Iscritti Filctem Enel (RM); Enrico Bosani, Rsu FP Provincia (MI); Cosimo Desiati, Rsu Fiom Brembo (BG); Fausto Alborghetti, Rsu Fiom Brembo (BG); Michele La Porta, Rsu Fiom (BG); Vincenzo Orlando, Rsu Fiom Brembo (BG); Ulisse Pellegrinelli, Rsu Fiom Brembo (BG); Rosalba Bruna, FLC (LI); Denis Bruni, Spi (MO); Bruno Buonomo, Esecutivo Flc Ist. Naz. Fisica Nucleare (RM); Luca Busolini, Fiom Ardagh di Aprilia (LT); Daniele Caboni, Rsu Fiom Continental (PI); Antonio Cacucciolo, Filcams (BA); Gianfranco Camboni, Rsu Flc Liceo Scientifico Ozieri; Paolo Camerlingo, Rsu Fiom Fiber (BG); Sandro Campioni, Filctem G6RI Rete gas FR; Calogero Cannarozzo, CDP FP (LI); Lillo Cannarozzo, FP (LI); Calimaco Cantoni, Rsu Fiom San Paolo Lamiere (PR); Domenico Cappella, Rsa Fiom Fiat Termoli; Antonio Carapellotti, Filt Soc. Corsi e Pampanelli (RM); Carlo Carelli, Rsu Filctem (LO); Marina Carrara, Eutron (BG); Rosario Cascina, Fiom Crown Closures Italy di Aprilia (LT); Stefano Casigliego, Fiom (VE); Aldo Casinelli, G6RI Rete gas RM; Giuseppe Catucci, SPI (BA); Alberto Cavedo, SPI (BS); Massimo Cecchini, SPI (RM); Claudia Cerase, Flai (LI); Fabio Cerulli, Comitato iscritti Filctem Enel Energia (RM); Mauro Chiesa, Rsu Fiom Siac (BG); Massimo Chiesi, Rsa Filt TNT (TO) Comune (TS); Nicoletta Cibotti, Licenziata Onda; Mario Cicconi, Fiom Crown Closures Italy di Aprilia (LT); Vanzo Claudio, Rsu I.I.S.S.E. Firpo M. Buonarroti (GE); Marco Cleri, Rsu Fiom Ocme (PR); Gianfranco Coccoli, Spi (PD); Antonello Colaiacomo, Rsu Filt Atac (RM); Livio Collerig, Rsa Fisac Mdp (TS); Alda Colombera, Rsu FP Comune di Bergamo; Giliola Corradi, Spi (VR); Giuseppe Corrado, Fiom (PI); Carlo Corsi, Filt Soc. Corsi e Pampanelli (RM); Pasquale Cotugna, Filcams (BA); Gianluigi Cremonesi, Rsu FP (PD); Maurizio Crescenzi, G6RI Rete gas (RM); Cinzia Crespi, Rsu Filt Ups (MI); Bruno Crippa, Rsu Filctem Sinterama (BG); Maurizio Cumbolotti, Filt Soc. Corsi e Pampanelli (RM); Emilio D’Amico, Rsu FP INPS (CS); Marina D’Andrea, Flai (RM); Stefano D’Intinosante, Rsu Fiom Somec (TV); Massimo Dalla Giovanna, Rsu Ericsson (GE); Antonio De Stefano, Fiom Basilicata; Cristian De Nicola, Rsu Fiom Bitmidia (RM); Domenico De Stradis, Rsa Fiat Sata Melfi (PZ); Daniele Debetto, Filctem Pirelli Settimo Torinese (TO); Michela Delfino, Rsu Filcams Sme Spa Susegana (TV); Giuseppe Di Berardo, Rsu Fiom Stilma (MO); Massimiliano Di Grazia, Fiom (PI); Felice Di Leo, Fillea Rsu Natuzzi (BA); Leonardo Di Maio, Rsa Fiom Fiat Termoli; Principio Di Nanni, Rsa Fiat Sata Melfi; Giusi Di Pietro, Rsu Fiom Scienza Machinale (PI); Leda Di Santo, Flc Molise; Nicola Di Savino, Flc Massa; Vincenzo Di Bladi, Rsu Fiom Fonderie Colombo (MI); Loretta Draghetti, Flc (LI); Antonio Erico, Rsu Dataface (TE); Marcovicchio Ernesto, Rsa Fiom Fiat Termoli; Lorenzo Esposito, Rsa Fisac Banca d’Italia (MI); Fichera Fabio, Rsu Compagnia Unica P. Batini Porto di Genova; Cristian Facheris, Rsu Fiom Meccanotecna (BG); Giuseppe Faillace, Rsu Fiom Montovario (MO); Silvano Fanelli, Fiom Basilicata; Rossana Fatighenti, Flc Toscana; Leonardo Favaro, Rsu Filcams Sme (TV); Antenucci Felice, Rsu Proma; Francesca Felice, Rsa Fiat Sevel (CH); Roberto Ferrante, Rsa Fiat Sevel (CH); Massimo Ferri, Fiom Crown Closures Italy di Aprilia (LT); Giuseppe Ficara, Fiom (TE); Luigi Ficarra, SPI (PD); Susanna Filoni, Rsu Flc (LI); RSA FIOM FERRARI MARANELLO; Massimo Fiore, Spi (PD); Ettore Poggetti, FLC (BA); Stefano Fontana, Rsu Fiom Fincantieri Marghera (VE); Vincenzo Fortino, Rsu Filctem Snam Rete Gas (CS); Rosario Furbo, Rsu Fiom Ariete (BG); Nevio Galbiati, Rsu Fiom Colombo Filippetti (BG); Marco Gamba, Rsu Fiom Colombo Design (BG); Rochy Gemelletti, Trenord (MI); Vilma Gidaro, Rsu FP Mibac (RM); Urioni Giovanni, FLC (PN); Tiziano Goldoni, SPI (MO); Valerio Guaitoli, Spi (MO); Alessandro Heller, Rsu FP Comune Trieste; Pina Imbrenda, Rsa Fiat Sata Melfi; Luciano Impiccini, Rsu IKK (TE); Carlo Iozzi, Rsu Fiom; Giovanni Iozzoli, Rsu Fiom Pfb (MO); Sebastiano Leotta, Rsu Fiom N&W Global Vending (BG); Simona Leri, Rsu Filcams coopEstense (MO); Francesco Locantore, C.P.S. – Flc (RM); Luciano Lorandi, Rsu Filcams Sait (TR); Alessandra Luperto, Rsu Fiom Philips Saeco (BO); Erminio Maccarella, Rsu Fiom Sant’Ambrogio; Francesco Macciocchi, G6RI Rete gas Filctem (RM); Mario Maddaloni, Rsu Energia Filctem (NA); Franco Maggi, Rsu Micron Avezzano (AQ); Giuseppe Manzella, Rsu Filctem G.D.S. (BG); Tonino Marceca, Rsu FP (VE); Francesco Maresca, SPI (TA); Davide Margiotta, Rsu DMM (PU); Rosalinda Marinoni, Rsu Fiom Sant’Amborgio (BG); Mirko Martinelli, Rsu Filcams CoopEstense (MO); Spartaco Martinelli, Rsa Filcams Ipercoop Casilino (RM); Guido Masotti, insegnate precario Flc (LU); Fierro Massimiliano, Rsa Fiom Fiat Termoli; Orlando Maviglia, Rsu Fiom Mot. Minarelli (BO); Alma Mazzieri, FP (LI); Andrea Mazzoleni, Filcams Orvea; Ennio Mercuri, Comitato Iscritti Filctem Enel Albano (RM); Ennio Minervini, Coordinatore Rsu FP Fondazione Sanità Pubblica (MS); Olindo Montini, Filt Soc. GEAF (FR); Laura Morcone, FP (TE); Armando Morgia, Rsu Comune di Roma; Valli Morlotti, Rsu FP Asl BG; Federico Mugnari, Rsu S.I. (RM); Fabio Necchi, Rsu Fiom Grazioli (BG); Gianfranco Neri, Rls Ospedale Unico della Versilia (LU); Giampaolo Neroni, Fiom Crwn- Closures Italy di Aprilia (LT); Armando Nevoso, Rsu BTicino (TE); Marco Odorici, Rsu Fiom Fabio Perini (BO); Federico Oliveri, ricercatore precario Unipi FLC (PI); Daniele Orsini, dipendente Provincia FP (MS); Gianplacido Ottaviano, Rsu Fiom Bonfiglioli (BO); Riccardo Palma, Rsu FP UEPE (FR); Ermanno Panciroli, Rsa FP Gulliver (MO); Francesca Paoloni, Vigile Urbano FP (RM); Laura Parozzi, Rsu Filt Ups (MI); Luca Paternoster, OVREA Filcams; Fiammelli Patrizia, FP Molise; Bruno Pecoraro, RSA Filcams La Pulta (RM); Tiziano Peracchi, Rsu Fiom Mingazzini (PR); Fabio Perini, spa (LU); Roberto Persini, G6RI Rete Gas Filctem (RM); RSU FIOM PIAGGIO (Rossella Porticati, Adriana Tecce, Antonella Bellagamba, Giorgio Guezze, Massimiliano Malventi, Simone Selmi); Lisa Piasentin, Rsu Filcams SME spa Susegana (TV); Alessandra Pierosara, Rsu Fillea D’Efi Mobili (AN); Ferdinando Piras, FP (LI); Arianna Pizzoccheri, Rsu Filt Ups (MI); Claudio Pò, Rsu Filcams CoopEstense (MO); Ilario Poloni, Rsu Filctem (BG); Renato Pomari, Rsu Fiom IBM Vimercate; Angelo Pozzi, Rsa Fisac DeutscheBanc (MI); Luigi Presutti, Rsu Filt Atac (RM); Anna Prezioso, Rsu Fiom System Pneu (BO); Cosimo Quaranta, Fiom (BR); Savina Ragno, Rsu CoopAdriatica (BO); Angelo Raimondi, Rsu Filcams Esselunga (MI); Emiliano Raponi, Rsa Fisac Mts spa (RM); Piero Ravizza, Rsu Regione Liguria; Ivan Reggio, Rsu Fiom Grazioli (BG); Mirko Ricci, Rsu Morgan Carbon Filctem (TE); Patrizia Rigotti, FLC; Giovanni Rivecca, Fiom Basilicata; Giacomo Romboli, Rsu fiom Continental (PI); Cinzia Ronzitti, Rsu Rinascente (GE); Giampaolo Rosato, Rsa Filcams Farmacap (RM); Riccardo Rossi, Flc (BR); Roberto Rossi, Rsu Fiom Forgital (VI); Emanuele Rota, Rsu Filctem Plastik spa (BG); Michela Ruffa, Rsu Fiom Continental (PI); Sergio Ruggeri Operaio Farmacentro Filcams; Livio Sacchetti, Rsa Francesco Parisi Spa (TS); Maurizio Salvato, Fiom (PD); RSU SAME (Andrea Paderno, Corrado Scotti, Giuseppe Bonazzi, Matteo Carioli), Giuseppe Servegnini, Fiom SAME; Oronzo Savino, Spi (BA); Salvatore Scandurra, Rsu Marinarsen (SP); Alberto Segata, Filcams ZORVEA; Sergio Serino, Rsu FP INPS (BA); Raffaele Signorello, Fiom Otis (RC); Nicola Signorile, Filt (BA); Enrico Sitta, Fiom Crown-Closures Italy di Aprilia (LT); Andrea Soprani, operaio cantiere navale CRN Fiom; Gennaro Spigola, SPI (RM); Antonio Stefanini, FP (LI); Aljosha Stramazzo, Rsa Fisac (TO); Domenico Stratoti, Rsa Filcams Hotel Majestic (RM); Franco Tessadri, Filt Trentini Trasporti; Nicola Tradori, Rsu Flai Eridania (CA); Eugenio Trebbi, Rsu Filcams Hp Italiana (RM); Angelo Trovenzi, Rsu Fiom Corali spa (BG); Marco Vacca, Rsu Filctem Ospedale CTO (RM); Gabriele Vesco, Spi (VE); Giuseppe Violante, Rsa Fiom Maerati (MO); Vincenzo Volpecina, Fiom Ardagh di Aprilia (LT); Nico Vox, Rsu FP Don Gnocchi (MI); Maria Zanni, Rsu FP (NA); Achille Zasso, Spi (MI); Armando Zenorini, Fillea (VR); Ivan Zurlo, Fiom List Group (PI); Raffaella Rondolini, Rsu filcams ente regionale turismo Emilia Romagna; Manuela Duri, RSU Rodel Brescia; Michelangelo Ianieri, dir. aziendale FIOM, Fiat Sevel Val di Sangro; Claudio Bellavista, Rsu Filctem Casadei, Forlì; Gabriele Severi, Rsu Fiom Marcegaglia Forlì; Massimo Filippini, Rsa Filcams Axitea Genova; Fabrizio Montuori, Slc Vodafone, Milano; Mario Cermignani, comitato iscritti Fp, Agenzia delle entrate, Milano; Enzo Tataranni, comitato iscritti Fp, Comune di Venezia; Alessio Ciregia, RSU Fondazione Toscana “Gabriele Monasterio” per la Ricerca medica e di Sanità Pubblica; Francesco Poli, RSU Fondazione Toscana “Gabriele Monasterio” per la Ricerca medica e di Sanità Pubblica; Alessandro Balneari, Spi Cgil Brescia; Beppe Corioni, Spi Cgil Brescia; Angelo Bindoni, Spi Cgil Brescia; M.Rosa Archetti, Rsu Invatec Brescia; Enzo Cadei, Rsu Alfa Acciai Brescia; Laura Nicoli, Rsu Esselunga; Andrea Comincini, Rsu Esselunga; Ildo Fasani, rappresentante sindacale dirigenza comune di Carrara; Alessandra Rubagotti, lavoratrice FP; Rossano Quirino, Filt; Elisa Gobbi, Spi (BS)