Assemblea di Chianciano, un’occasione di incontro nazionale e internazionale

di Andrea Martini

Manifesto Chianciano inclinatoL’Assemblea fondativa seminariale di Sinistra Anticapitalista, oltre che un momento importante di costruzione della nostra organizzazione, sarà anche un’occasione di confronto tra numerosi soggetti dell’arcipelago della sinistra anticapitalista eurpea.

Il dibattito sarà organizzato anche per favorire questo confronto, in maniera non formale, quindi non con scambi di saluti e di auguri di buon lavoro tra organizzazioni del nostro o di altri paesi.

D’altra parte è elemento costitutivo del nostro progetto politico il voler perseguire con determinazione la costruzione di una sinistra anticapitalista unita e forte sia a livello italiano che internazionale e, in primo luogo, europeo.

Infatti, con uno sforzo organizzativo importante (anche sul piano economico, almeno per un’organizzazione come la nostra che basa tutto il proprio finanziamento sui contributi volontari delle compagne e dei compagni), abbiamo cercato e ottenuto di avere come ospiti a Chianciano dal 20 al 22 settembre numerosi e importanti esponenti di questa sinistra anticapitalista continentale (e non solo).

Sarà con noi Antonis Ntavanellos, componente della segreteria nazionale della formazione della sinistra unita greca Syriza, portavoce sella Sinistra Internazionalista Operaia (DEA, nella sigla greca), una delle figure più note dell’anticapitalismo rivoluzionario ellenico.

Sarà con noi una folta delegazione della sinistra anticapitalista tedesca, composta dalle/dai compagne/i Angela Klein (della redazione della rivista SoZ, Sozialistische Zeitung), ManuelFranca Kellner, Tino Plancherel, Martin Suchanek et Svenja Huck, tutte/i attivi nel progetto di costruzione di un Nuovo partito anticapitalista tedesco.

Arriverà anche il compagno Ricardo Martín Santos, esponente della Izquierda Anticapitalista dallo Stato spagnolo.

Dalla Francia saranno presenti le/i compagni/e Léon Crémieux (della direzione del Nouveau parti anticapitaliste) e  Jean Puyade e Georges Sarda (sempre del NPA).

Alla nostra assemblea parteciperà anche una delegazione del Movimento per il socialismo svizzero, comprendente tra le/gli altre/i il compagno Charles-André Udry.

Da fuori dell’Europa, parteciperà ai nostri lavori il compagno Ahmed Shawki dell’ISO, International Socialist Organization degli Stati uniti.

Come si diceva con queste/i compagne/i non ci limiteremo a scambi di informazioni. Ovviamente esse/i interverranno in assemblea, ma parrteciperanno anche nella serata del primo giorno incontro finalizzato a discutere con loro la situazione italiana. E, reciprocamente, nella serata del giorno successivo si riuniranno tre workshop per approfondire la discussione su quanto accade in tre dei principali paesi europei, Germania, Francia e Grecia.

Ma la nostra assemblea cercherà anche di essere un momento importante nella costruzione della sinistra anticapitalista in Italia.

Come è noto già molte/i delle/dei nostre/i compagne/i hanno aderito e iniziato a lavorare con Ross@, il movimento anticapitalista e libertario che sta cercando di unificare e consolidare una sinistra unita e nettamente alternativa al centrosinistra e al PD. Proprio per questo nella nostra assemblea interverranno compagni fortemente impegnati in questo progetto, a partire dal portavoce nazionale di Ross@, Giorgio Cremaschi, Sarà presente e interverrà anche il compagno Sergio Cararo, esponente della Rete dei comunisti.

All’assemblea interverrà anche una delegazione del Partito della rifondazione comunista, dal quale, come è noto, ci dividono molte cose, ma che resta la formazione più consistente di ciò che si muove alla sinistra del PD.

Il nostro progetto però non si muove solo sul terreno politico, ma affronta anche lo stato delle mobilitazioni sociali, in primo luogo quelle sindacali. Ecco dunque un’altra parte delle presenze a Chianciano. Interverranno infatti Nazareno Festuccia (dell’esecutivo nazionale confederale dell’USB) e Cosimo Scarinzi (coordinatore nazionale della CUB), entrambi impegnati, assieme ai Cobas nella preparazione dello sciopero generale del 18 ottobre prossimo, Interverrà anche Sergio Bellavita, della Rete 28 aprile (sinistra di opposizione nella Cgil), che ci illustrerà il senso della battaglia congressuale che si sta aprendo nella Cgil dopo gli ultimi accordi interconfederali come quello del 31 maggio sulla rappresentanza e quello di Genova a sostegno delle rivendicazioni padronali verso il governo e dopo l’adesione anche della direzione della Fiom alla linea maggioritaria di Susanna Camusso.

Come si vede, l’assemblea di Chianciano è e sarà un piccolo evento, non solo per noi, perché sarà l’atto formale e politico di nascita della nostra organizzazione, ma anche, pur nel silenzio della stampa, un momento importante per far emergere quel soggetto politico e conflittuale di cui c’è bisogno e che molti (e non solo a destra) potrebbero temere.

Andrea Martini