Putin non sta liberando nessuno. Tocca a noi fermare la guerra

Manifesto della coalizione russa dei “socialisti contro la guerra”: non siamo mai stati sostenitori degli Stati Uniti e delle loro politiche imperialiste. Quando le truppe ucraine hanno bombardato Donetsk e Lugansk, non siamo rimasti in silenzio. Non restiamo in silenzio mentre ora Kharkiv, Kiev e Odessa vengono bombardate per ordine di Putin e della sua combriccola!

Ci sono molte ragioni per opporsi alla guerra. Per noi, come sostenitori della giustizia sociale, dell’uguaglianza e della libertà, ve ne sono alcune particolarmente importanti.

Questo potere, fondato su promesse di pace e stabilità, alla fine ha portato il paese alla guerra e al disastro economico.

Come ogni altra guerra nella storia, quella di oggi divide il mondo in due parti: i pro e i contro. La propaganda del Cremlino cerca di convincerci che l’intera nazione si è schierata con il potere. E che solo miserabili antenati, liberali filo-occidentali e mercenari al soldo del nemico esterno si battono per la pace. È una menzogna assolutamente indifendibile. Questa volta i vecchi del Cremlino erano in minoranza. La maggior parte dei russi non vuole una guerra fratricida, nemmeno coloro che hanno ancora fiducia nelle autorità russe. Chiudono gli occhi per non vedere crollare il mondo disegnato dai propagandisti. Sperano ancora che quello che sta succedendo non sia una guerra, soprattutto non una guerra aggressiva, ma una “operazione speciale” per “liberare” il popolo ucraino. Le immagini terribili dei bombardamenti e del brutale bombardamento delle città distruggeranno presto questi miti. E allora anche gli elettori più fedeli di Putin diranno: non abbiamo dato il nostro consenso a questa guerra ingiusta!

Ma, già sin d’ora, decine di milioni di persone in tutto il paese sono inorridite e disgustate da ciò che l’amministrazione Putin sta facendo. Queste persone hanno tra di loro opinioni diverse. La maggior parte di loro non è affatto liberale, come sostengono i propagandisti. Tra loro, ci sono molte persone di sinistra, socialiste o comuniste. E naturalmente, queste persone – la maggioranza del nostro popolo – sono sinceri patrioti della nostra patria.

Ci hanno mentito dicendo che gli oppositori di questa guerra sono ipocriti. Che non sono contro la guerra, ma solo a favore dell’Occidente. È una bugia. Non siamo mai stati sostenitori degli Stati Uniti e delle loro politiche imperialiste. Quando le truppe ucraine hanno bombardato Donetsk e Lugansk, non siamo rimasti in silenzio. Non restiamo in silenzio mentre ora Kharkiv, Kiev e Odessa vengono bombardate per ordine di Putin e della sua combriccola!

Ci sono molte ragioni per opporsi alla guerra. Per noi, come sostenitori della giustizia sociale, dell’uguaglianza e della libertà, ve ne sono alcune particolarmente importanti.

  • Si tratta di una guerra ingiusta, una guerra di conquista. Non c’era e non c’è una minaccia per lo stato russo tale da rendere necessario inviare i nostri soldati a uccidere e morire. Oggi non stanno “liberando” nessuno. Non aiutano nessun movimento popolare. Semplicemente, l’esercito regolare sta distruggendo pacifiche città ucraine su ordine di un pugno di miliardari che sognano di mantenere per sempre il loro potere sulla Russia.
  • Questa guerra comporta innumerevoli disastri ai nostri popoli. Ucraini e russi stanno pagando con il loro sangue. Ma, in prospettiva, vediamo povertà, inflazione e disoccupazione che colpiranno tutti. I conti non saranno pagati dagli oligarchi e dai dipendenti pubblici, ma dai lavoratori e dalle lavoratrici, dai poveri insegnanti, dai pensionati e dai disoccupati. Molti di noi non avranno di che nutrire i nostri bambini.
  • Questa guerra trasformerà l’Ucraina in un mucchio di rovine e la Russia in una grande prigione. I media dell’opposizione sono già stati chiusi. La gente viene sbattuta dietro le sbarre per volantini, innocui picchetti di protesta, persino per messaggi sui social network. Presto i russi avranno una sola scelta: tra la prigione e l’ufficio di registrazione e arruolamento militare. La guerra porta con sé una dittatura che le generazioni attuali non hanno ancora visto.
  • Questa guerra aumenta considerevolmente tutti i rischi e le minacce per il nostro paese. Anche gli ucraini che una settimana fa simpatizzavano per la Russia ora si stanno arruolando nelle milizie per combattere le nostre truppe. Con la sua aggressione, Putin ha cancellato tutti i crimini dei nazionalisti ucraini, tutti gli intrighi dei falchi americani e della NATO. Putin ha dato loro argomenti tali che quasi certamente appariranno nuovi missili e basi militari lungo il perimetro dei nostri confini.
  • Infine, la lotta per la pace è un dovere patriottico per ogni russo. Non solo perché siamo i custodi della memoria della più terribile guerra della storia. Ma anche perché questa guerra minaccia l’integrità e l’esistenza stessa della Russia.

Putin sta cercando di legare strettamente il proprio destino al destino del nostro paese. Se vi riuscirà, la sua inevitabile sconfitta sarà la sconfitta dell’intera nazione. E allora il destino che ci attende ê simile a quello della Germania del dopoguerra: occupazione, spartizione territoriale, culto della colpa collettiva.

C’è solo un modo per evitare questi disastri. La guerra deve essere fermata da noi stessi – uomini e donne di Russia. Questo paese appartiene a noi, non a una manciata di vecchi pazzi con palazzi e yacht. È il momento di riprendercelo. I nostri nemici non sono a Kiev e Odessa, ma a Mosca. È ora di cacciarli via. La guerra non è opera della Russia. La guerra è opera di Putin e del suo regime. Ecco perché noi, socialisti e comunisti russi, siamo contro questa guerra criminale. Vogliamo fermarlo per salvare la Russia.

Nessun intervento! Nessuna dittatura! Nessuna povertà!

Pubblicato dalla rivista Left East 17 marzo 2022 in inglese sulla base dell’originale in russo del 3 marzo 2022. La traduzione in italiano è stata curata dal segretariato MPS.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: