Volantino: Si fermi la catastrofe umanitaria nei Balcani

Scarica in formato PDF

Immediato soccorso e canali umanitari

ai richiedenti asilo e ai rifugiati

Sistemazione in Europa ai migranti che lo vogliono

Per fare la guerra in Iraq, in pochi giorni i paesi imperialisti hanno spostato ingenti quantità di uomini armati; hanno costruito basi militari con campi attrezzati per vitto, alloggio e assistenza sanitaria ai soldati. Un enorme dispiegamento di mezzi e risorse per fare la guerra, per ammazzare, per distruggere un Paese e il futuro di intere generazioni. Per fare la guerra, i paesi imperialisti, le loro classi dominanti, i loro governi, trovano sempre le risorse necessarie. Quelle risorse che non ci sono mai per i lavoratori, per i diseredati, per quelli costretti a emigrare.

In queste settimane, alcune migliaia di migranti, gente che scappa da zone di guerra (Siria, Yemen) o dalla fame, sono ferme alle frontiere degli stati balcanici (Bosnia). E’ loro impedito di transitare e accedere in Europa, alla ricerca di un luogo dove vivere.

In questi giorni, senza i mezzi necessari, essere costretti all’addiaccio, sotto la pioggia, nella neve e nel gelo, vuol dire grandi sofferenze, ammalarsi e anche morire.

Sinistra Anticapitalista aderisce all’appello perché si fermi la catastrofe umanitaria che i governi criminali di quei paesi e dell’Unione europea stanno causando, respingendo alle loro frontiere i migranti richiedenti asilo e rifugiati.

In Europa, nell’Unione Europea, non mancano i mezzi per l’immediato soccorso e la sistemazione dei migranti.

Aprire le frontiere ai migranti, concedere loro il permesso di soggiorno fino alla cittadinanza è doveroso. E’ doveroso da parte degli stati europei che in Asia, nel Medio oriente, in Africa, hanno derubato immense risorse, sfruttato lavoro schiavistico, sostenuto e foraggiato governi dittatoriali e criminali, procurato e alimentato guerre con grandi profitti alle loro industrie delle armi.

Tutto questo ha costretto intere popolazioni a migrare altrove per salvarsi e sopravvivere.

Oggi, essere a sostegno dei migranti vuol dire lottare contro l’imperialismo, il sistema economico e politico con il quale i capitalisti, tra i quali i capitalisti di casa nostra e le multinazionali, depredano il mondo e ne affamano le popolazioni.