Una risposta internazionalista ed ecosocialista alla pandemia

A sostegno dell’iniziativa degli scienziati, per una strategia europea contro la pandemia – Christian Zeller

Il 19 dicembre 2020, gli scienziati hanno lanciato un appello internazionale per il conseguente contenimento della pandemia di Covd-19 in tutta Europa. I sindacati, i movimenti emancipatori e le organizzazioni socialiste dovrebbero sostenere senza riserve questo appello e arricchirlo con un programma di rivendicazioni socio-ecologiche. Su questa base e ispirandosi alla campagna #ZeroCovid recentemente lanciata in Inghilterra, Galles e Scozia dovrebbero lanciare campagne di massa in tutta Europa.

Gli autori dell’appello osservano che i governi europei non sono ancora riusciti a formulare una visione comune per affrontare la pandemia. Tuttavia, per combattere la pandemia in modo efficace, è necessaria una strategia europea comune immediatamente. Questo è l’unico modo per mantenere aperti i confini. Perché i vaccini contribuiranno davvero a tenere sotto controllo l’infezione solo con un notevole ritardo. Questo non è previsto prima della fine del 2021. Gli autori formulano un obiettivo sociale chiaro e immediato: ogni singola infezione in Europa deve essere direttamente rintracciabile. Per raggiungere questo obiettivo, gli autori chiedono l’attuazione di una strategia in tre fasi.

In primo luogo, le infezioni devono essere ridotte a un massimo di 10 casi di Covid 19 per milione di persone al giorno. Ciò richiederà un’azione decisa e interventi profondi. Per evitare un effetto ping-pong tra paesi e regioni, le misure per ridurre il numero di casi devono essere applicate in tutti i paesi europei nel modo più rapido e sincronizzato possibile.
In secondo luogo, una volta compiuto questo primo passo, le restrizioni possono essere attenuate con cautela. Il numero di casi bassi deve essere stabilizzato a lungo termine con una strategia di controllo – almeno 300 test per milione di abitanti al giorno. Le epidemie locali devono essere immediatamente e vigorosamente contenute, se necessario con cordoni regionali.
In terzo luogo, deve essere formulata una visione comune a lungo termine. I piani d’azione regionali e nazionali specifici per il contesto dovrebbero essere sviluppati sulla base di obiettivi europei. Queste includono strategie di screening e vaccinazione, protezione dei gruppi a rischio e sostegno per le persone più colpite dalla pandemia.
Questo obiettivo e la strategia di questo appello devono essere pienamente sostenuti da una prospettiva ecosocialista ed emancipatrice. Perché un contenimento così massiccio della pandemia solo a pochi contagi ha senso? Cinque argomenti:

Man mano che un virus si diffonde, aumenta anche la frequenza della sua mutazione. Solo mantenendo il numero di infezioni il più basso possibile, le mutazioni del virus possono essere mantenute così basse che anche le loro sorprendenti conseguenze possono essere adeguatamente controllate dalla società.
L’immunizzazione di gregge ripetutamente propagata è misantropica e reazionaria. L’evidenza scientifica è schiacciante che una tale strategia porterebbe ad una catastrofe sociale nel caso della SARS-CoV-2. Le campagne di vaccinazione non avranno il loro impatto fino a un grave ritardo verso la fine del 2021. Inoltre, la vaccinazione avverrà in modo molto disuguale dal punto di vista geografico e sociale, aprendo un gigantesco divario di equità su scala globale.
La tanto decantata protezione dei gruppi a rischio è un’illusione. Nei paesi europei, circa un quarto delle persone appartiene a un gruppo a rischio o è a stretto contatto con persone a rischio (alta percentuale di persone oltre i 65 anni, operatori sanitari e case di cura, familiari, amici, ecc.) Un numero così elevato di persone non può essere protetto in modo particolare o addirittura schermato. Il corso della pandemia e l’impotenza delle autorità lo rivelano in modo molto brutale. Inoltre, non sarebbe né solidale né socialmente appropriato, ma piuttosto estremamente selettivo isolare semplicemente malati e anziani per mesi o addirittura anni ed escluderli dalla vita sociale.
Solo un massiccio contenimento della pandemia in pochissimi casi permette di evitare che gli oneri e i conseguenti costi della pandemia si ripercuotano in larga misura sui salariati, sulle classi inferiori e sui poveri, e qui soprattutto sulle donne. Il contenimento radicale della pandemia deve essere una preoccupazione centrale delle organizzazioni dei movimenti dei lavoratori, delle donne e dell’antirazzismo. La pandemia sta esponendo ancora più apertamente i rapporti di classe, le relazioni di genere e il razzismo.
Le società dei paesi ricchi imperialisti sono in grado di contenere la diffusione del virus con mezzi tecnici e sociali, con blocchi, chiusure e restrizioni mirate. Ciò richiede soprattutto la volontà sociale e politica.

Nei Paesi emergenti e poveri, soprattutto nei grandi agglomerati urbani, una strategia di contenimento così radicale è quasi impossibile a causa della povertà, delle concrete condizioni di vita e della mancanza di infrastrutture. Ecco perché le società dei ricchi paesi imperialisti hanno anche una responsabilità globale.
E’ ovvio che l’equilibrio di potere non è sufficiente a far rispettare questo orientamento verso una quasi eliminazione della diffusione del virus. Ciononostante, deve essere inserita nel dibattito sociale. Un orientamento ecosocialista consiste proprio nel rompere gli apparenti vincoli economici e nel rendere il socialmente apparentemente irrealistico concepibile e realizzabile. Ampi settori della sinistra denunciano giustamente le tendenze autoritarie delle politiche pandemiche dei governi. Ma questa argomentazione democratica ha senso solo se si riconosce la sfida fondamentale della pandemia per la salute umana e allo stesso tempo si formula e si sostiene il chiaro obiettivo di contenere radicalmente la diffusione del virus della SARS-Cov-2. Insistere solo sulle libertà individuali equivale a un liberalismo primitivo.
Con l’appello di cui sopra, numerosi scienziati naturali stanno interferendo attivamente in un dibattito sociale centrale. Agiscono quindi più direttamente sul piano politico rispetto ai sindacati e ai partiti di sinistra che, dopo quasi un anno di pandemia di Covid-19, non sono ancora riusciti a definire un chiaro obiettivo di politica pandemica per quanto riguarda la diffusione del virus della SARS-CoV-2. Al fine di sviluppare iniziative comuni di politica sanitaria, è utile avviare un dialogo con questi ricercatori*. Alcuni di loro si sono già espressi in aprile e settembre con preziose opinioni su come affrontare la pandemia[1].
Tuttavia, questo appello manca di preoccupazioni sociali ed economiche fondamentali che devono essere prese in considerazione per fare di questa strategia una strategia di solidarietà e per convincere le persone delle misure necessarie. I governi stanno espandendo il loro apparato repressivo, costringendo le persone a limitare la loro vita sociale e allo stesso tempo facendo di tutto per soddisfare gli interessi del capitale. La pandemia colpisce le persone in modo estremamente diseguale, a livello globale e in ogni società. Le misure restrittive adottate dai governi stanno aggravando la disuguaglianza sociale e la discriminazione sociale. La pandemia rivela la miseria sociale delle nostre società.
L’obiettivo primario delle misure adottate finora dai governi è stato quello di difendere la competitività, e quindi la redditività, delle imprese nei settori dell’economia che considerano importanti. Senza dirlo apertamente, la maggior parte dei governi europei ha in mente il vago obiettivo di rallentare l’immunizzazione di gregge. Così facendo, i governi stanno deliberatamente accettando la morte di diverse centinaia di migliaia di persone in Europa. Gli interessi economici vengono prima di tutto. Alcuni rappresentanti liberisti degli interessi del capitale esprimono apertamente questo “bilanciamento degli interessi”.
I governi hanno permesso e permettono la diffusione delle infezioni fino a quando il sistema sanitario è sull’orlo del collasso. Così facendo, pianificano deliberatamente l’esaurimento fisico e psicologico degli operatori sanitari. Contano su una massiccia campagna di vaccinazione per porre fine alla pandemia. Ma ci vorrà del tempo e molte persone sono scettiche sulla frettolosa campagna di vaccinazione. Inoltre, i vaccini attualmente in licenza sono stati testati solo per vedere se prevengono la malattia. Non è ancora noto in che misura essi prevengano anche le infezioni.

Verena Kreilinger, Winfried Wolf ed io abbiamo già descritto in dettaglio il fallimento dell’UE nella lotta contro la pandemia nel nostro libro Corona, Krise, Kapital. Plädoyer für eine solidarische Alternative in den Zeiten der Pandemie (Corona, Crisis, Capital: A Plea for an Alternative in Solidarity in Times of Pandemic), abbiamo già descritto in dettaglio il fallimento dell’UE nel combattere la pandemia e chiesto una risposta congiunta basata sulla solidarietà. Non c’è mai stata una strategia europea contro la pandemia. Questo è logico, perché l’UE non è una comunità di solidarietà, ma un’istituzione per intensificare la concorrenza. Pertanto, non ci si può aspettare in futuro alcun impulso solidale da parte dell’UE.
Ciò che è grave, tuttavia, è il fallimento dei sindacati e dei partiti socialisti, che non hanno mai proposto in modo neanche rudimentale una strategia europea di pandemia basata sulla solidarietà. Peggio ancora, né DIE LINKE in Germania né nessun altro partito di sinistra in Europa di qualsiasi peso è stato in grado di formulare un chiaro obiettivo per combattere la pandemia nel proprio paese. Perché DIE LINKE non è mai stata in grado di esigere con chiarezza e semplicità che i contagi siano ridotti immediatamente a un livello tale da poter risalire ad ogni singolo contagio? Ma questo è necessario per garantire la salute della popolazione. Perché i lavoratori: il cosiddetto movimento interno non è in grado di sostenere incondizionatamente la salute dei salariati? È perché sono subordinati agli interessi economici delle grandi imprese o di alcuni settori di attività e temono di non poter difendere efficacemente i salariati contro i ricatti e i licenziamenti aziendali?

L’enorme disastro sanitario sta portando un numero crescente di persone in Inghilterra, Galles e nella Scozia a portare una prospettiva radicale nel dibattito sociale. Sindacalisti, attivisti della salute sociale e attivisti di vari movimenti, così come ecosocialisti, hanno lanciato una campagna a novembre sotto lo slogan Zero Covid per sradicare il più possibile la diffusione del virus. Anche i socialisti in Irlanda assumono questa posizione. Resta da vedere se questo si trasformerà in una campagna di massa. In ogni caso, ha senso che le organizzazioni socialiste di altri paesi facciano proprie queste esperienze. L’appello paneuropeo degli scienziati offre ora la possibilità di condurre questa discussione in modo ampio.
I sindacati, i movimenti emancipatori e le organizzazioni socialiste devono appoggiare senza riserve l’iniziativa internazionale del mondo accademico qui presentata e, nel farlo, devono naturalmente definire un programma socio-ecologico di richieste. Questi includono:
Il blocco, la chiusura e le misure di contenimento della pandemia devono coinvolgere tutti i settori della società in modo solidale – produzione, trasporto, consumo e tempo libero. Le aree dell’economia che non sono immediatamente necessarie alla società dovrebbero essere temporaneamente limitate o chiuse, se necessario, a condizione che le restrizioni contribuiscano a contenere rapidamente la diffusione del virus. Questo vale soprattutto per le fabbriche di carne, i grandi magazzini e qualsiasi attività in cui i dipendenti devono lavorare in stretta prossimità.
L’intero settore della sanità e dell’assistenza deve essere ampliato immediatamente e in modo sostenibile e rafforzato con un aumento della forza lavoro. I salari devono essere aumentati notevolmente.
Tutte le privatizzazioni nel settore sanitario e dell’assistenza devono essere immediatamente interrotte. Il finanziamento ospedaliero basato su tassi forfettari per caso deve essere sostituito da un sistema basato sulla solidarietà e sui bisogni.
Non devono esistere pacchetti di salvataggio per le aziende che contribuiscono a mantenere settori socialmente ed ecologicamente insensati (ad esempio nell’industria aeronautica e automobilistica). Dovrebbe invece essere istituito un fondo di ristrutturazione socio-ecologica per contribuire a finanziare la ristrutturazione industriale e lo smantellamento.
I dipendenti dovrebbero essere tutelati contro il licenziamento e le indennità di disoccupazione dovrebbero essere ampliate. Gli operatori culturali e le microimprese devono essere sostenuti direttamente.
Le misure per contenere la diffusione del virus hanno colpito più duramente le persone già svantaggiate. Questa discriminazione deve essere contrastata con misure adeguate (piccoli gruppi in asili, piccole classi scolastiche, apertura di alberghi vacanti a famiglie in piccoli appartamenti e rifugiati, ecc. vedi anche Kreilinger, Wolf, Zeller 2020: p. 174 ss. e capitolo 13).
Le misure per il contenimento della pandemia devono essere finanziate in modo socialmente solidale, con un prelievo di solidarietà sull’elevato patrimonio, sul reddito e sugli utili aziendali.
I vaccini devono essere un bene pubblico globale per tutta l’umanità. Per questo motivo la tutela brevettuale deve essere abolita. Le persone nei paesi poveri devono avere lo stesso diritto alla vaccinazione delle persone nei paesi ricchi del centro.
I sindacati dovrebbero avviare immediatamente un processo di discussione aperta con tutti i dipendenti in tutti i luoghi di lavoro, in conformità con le misure di precauzione contro la pandemia, al fine di progettare e attuare misure comuni “dal basso” contro la pandemia nei luoghi di lavoro, nei trasporti pubblici e a casa. In dialogo con le iniziative del movimento femminista, della solidarietà delle rifugiate, del movimento degli inquilini e del movimento per il clima, così come con le iniziative della comunità scientifica, può essere formulato e realizzato un programma efficace e solidale per combattere la pandemia. I governi non proteggono la popolazione, il popolo deve proteggersi insieme, contro la pandemia e contro le ingiuste misure dei governi.

[1] Kleiner, Matthias; Neugebauer, Reimund; Stratmann, Martin und Wiestler, Otmar D.: Strategien zur Eindämmung der COVID-19 Pandemie. Eine Stellungnahme der Präsidenten der außeruniversitären Forschungsorganisationen auf Basis von mathematischen Analysen der Datenlage, 28. April 2020, Wissenschaftsgemeinschaft Gottfried Wilhelm Leibniz e.V., Fraunhofer-Gesellschaft zur Förderung der angewandten Forschung e.V., Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften e. V., Helmholtz-Gemeinschaft Deutscher Forschungszentren e. V. https://www.helmholtz.de/aktuell/presseinformationen/stellungnahme-der-praesidenten-der-ausseruniversitaeren-forschungsorganisationen/.
Meyer-Hermann, Michael; Pigeot, Iris; Priesemann, Viola und Schöbel, Anita (2020): Adaptive Strategien zur Eindämmung der COVID-19-Epidemie 28. April 2020, Wissenschaftsgemeinschaft Gottfried Wilhelm Leibniz e.V., Fraunhofer-Gesellschaft zur Förderung der angewandten Forschung e.V., Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften e. V., Helmholtz-Gemeinschaft Deutscher Forschungszentren e. V. https://www.fraunhofer.de/content/dam/zv/de/presse-medien/2020/april/28-04-2020_Stellungnahme_Teil_02.pdf.
Kleiner, Matthias; Neugebauer, Reimund; Stratmann, Martin und Wiestler, Otmar D.: Gemeinsam können wir es schaffen: Jeder einzelne Beitrag schützt Gesundheit, Gesellschaft und Wirtschaft. Eine Stellungnahme der Präsidenten der außeruniversitären Forschungsorganisationen zur COVID-19-Epidemie auf Basis von mathematischen Analysen der Datenlage, 24. September 2020, Wissenschaftsgemeinschaft Gottfried Wilhelm Leibniz e.V., Fraunhofer-Gesellschaft zur Förderung der angewandten Forschung e.V., Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften e. V., Helmholtz-Gemeinschaft Deutscher Forschungszentren e. V. https://www.helmholtz-hzi.de/de/aktuelles/news/news-detail/article/complete/gemeinsam-koennen-wir-es-schaffen-jeder-einzelne-beitrag-schuetzt-gesundheit-gesellschaft-und-wirtsc/.