30.000 euro per Sinistra Anticapitalista!

Aiutateci nella lotta anticapitalista contro le barbarie del capitalismo.

Per una società ecosocialista di giustizia sociale e libertà

Puntuali come sempre, alla vigilia del Natale e della tredicesima (ma molte/i lavoratrici/tori non la dispongono data la loro condizione di precarietà) chiediamo alle nostre lettrici e ai nostri lettori, a tutte/i quelle/i che guardano con condivisione alle nostre battaglie politiche un sostegno economico per affrontare i difficili compiti del 2020.

Sapete tutt/i che Sinistra Anticapitalista non dispone di alcun finanziamento pubblico e che la sua attività si sorregge solo sulle quote dei militanti e sulle sottoscrizioni dei simpatizzanti e di coloro che ritengono necessaria una voce anticapitalista e internazionalista nelle battaglie democratiche e sociali.

Il quadro mondiale in cui viviamo è davvero difficile: dominano ovunque le politiche liberiste del capitalismo sempre più antisociali e antidemocratiche, si rafforzano le destre e le estreme destre con i loro ignobili personaggi, si moltiplicano le azioni repressive contro le classi sfruttate ed in alcuni paesi si affermano governi dittatoriali. Le guerre e le barbarie sono tragicamente all’ordine del giorno, a partire dall’immenso cimitero di migranti che è diventato il Mediterraneo. Il riscaldamento climatico, frutto delle scelte produttive capitaliste, minaccia il futuro stesso del pianeta.

Contemporaneamente assistiamo a un crescendo dei movimenti di massa in molti paesi, a vere e proprie ribellioni contro il neoliberismo imperante in nome della giustizia, della democrazia e dei diritti sociali e politici. Sono rivolte portatrici di grandi speranze con i giovani in prima fila a rappresentare questa primavera.

In Italia abbiamo salutato positivamente, durante l’estate, la caduta del governo reazionario giallo-verde a traino Salvini, ma il secondo governo Conte opera in continuità con quanto fatto dai precedenti governi. Le destre continuano a mietere consensi in ampi strati della popolazione sulla base del malcontento sociale, della divisione delle classi lavoratrici, della crisi economica; si rafforzano quelle più apertamente fasciste.

Anche nel nostro paese sono però presenti movimenti di resistenza, ma sono “sparpagliati”: la mobilitazione internazionalista, quella per i diritti dei migranti e contro le misure repressive, la mobilitazione delle donne e il quarto sciopero globale sul clima segnato dalla presenza giovanile e poi le difficili lotte operaie per difendere il posto di lavoro.

Questi movimenti sociali meritano la presenza unitaria di una sinistra di classe che sappia sostenerli nelle loro lotte, aiutarli nell’individuare contenuti e percorsi rivendicativi e politici per contrastare i padroni e le loro politiche antipopolari. Per questo stiamo lavorando ad aprire un cantiere di unità d’azione delle forze della sinistra di classe che favorisca l’unità dei movimenti sociali. L’assemblea del 7 dicembre a Roma ha questa finalità: https://anticapitalista.org/2019/11/10/unire-le-lotte-contro-un-governo-padronale-contro-le-destre-reazionarie/

Serve, come ieri e forse più di ieri, un’organizzazione collettiva, una forza politica, anticapitalista, femminista, ecologista, internazionalista che lavori quotidianamente nei movimenti di massa e di resistenza sociale.

Questo impegno politico di progetto e di alternativa  richiede tempo, militanza e risorse. Abbiamo bisogno del vostro aiuto economico ma anche della vostra partecipazione alle nostre attività per fare meglio e di più.

In particolare segnaliamo che

  • Dobbiamo completare la sistemazione della nostra sede centrale di Roma (acquistata con una grandissimo sforzo) che  deve essere resa pienamente funzionale all’attività.
  • Vogliamo sviluppare una campagna su salario e occupazione, che si concluda in estate con una grande momento di incontro collettivo, un campeggio di approfondimento, ma anche di socialità i cui costi siano sostenibili e permettano a molti giovani, disoccupati e precari di partecipare pienamente.
  • Vogliamo assolvere alcuni compiti internazionalisti, di cui i rapporti che stiamo costruendo tra i nostri compagni della FCA e quelli francesi della PSA e della Renault, rappresentano un passaggio fondamentale, ma non il solo. Decisiva sarà infatti la dimensione unitaria europea ed internazionale delle resistenze sociali e politiche per sconfiggere i disegni reazionari dei padroni e dei loro partiti, siano quelli borghesi liberisti o quelli di destra nazionalisti.
  • Vogliamo infine dare una diversa qualità, profondità e regolarità ai nostri strumenti d’informazione e di battaglia politica a partire dal giornale “L’Anticapitalista”.

I 30.000 euro che chiediamo per il 2020 sono praticamente nulla di fronte ai soldi di cui dispongono i partiti padronali ed anche ben poca cosa rispetto alle stesse risorse di altre forze della sinistra, ma sono per noi un ossigeno fondamentale.

Aiutiamoci ed aiutateci.

Per sottoscrivere

Bollettino di conto corrente postale:

ccn. 1014610008 intestato a Sinistra Anticapitalista, via Gustavo Modena, 90/A, 00153 Roma

Bonifico bancario:

Conto Banco Posta intestato a Sinistra Anticapitalista

IBAN: IT 33 M 07601 03200 001014610008

BIC/SWIFT (Per i bonifici internazionali): BPPIITRRXXX