In evidenza

Toscana, aderiamo al referendum abrogativo della legge regionale di controriforma sanitaria

Sinistra Anticapitalista Toscana ritiene che la legge 28/2015 della Regione toscana sia una brutta legge la quale dietro la parola “riordino” nasconda in realtà la volontà politica di tagliare la qualità e l’entità complessiva dei servizi erogati ai cittadini. Essa perfeziona fra l’altro l’introduzione del privato nella gestione della sanità, introduzione che era stata già sancita da precedenti provvedimenti legislativi e delibere di giunta, come la famigerata delibera 1235. Mette in atto un pesante attacco ai lavoratori del settore inventando inesistenti esuberi e infine accentra tutto il potere su tre megadirettori di diretta nomina presidenziale allontanando sempre di più la sanità pubblica dal già scarso controllo democratico che potevano esercitare le comunità locali e creando enormi rischi di disequilibri territoriali.
Sinistra Anticapitalista ritiene che tutto questo apra sempre più la strada al dilagare della sanità privata, alle polizze di assicurazione sanitaria e quindi alle compagnie assicurative con il risultato a medio/lungo termine di rendere la sanità pubblica una realtà di serie B.
Una sanità pubblica di qualità e universale, che abbia come unico finanziatore la fiscalità generale, è l’unica garanzia del diritto alla salute per tutti i cittadini come previsto dalla costituzione.
Ovviamente non basterà l’eventuale vittoria del referendum per arrestare la campagna di tagli e privatizzazioni del governo nazionale e locale e saranno necessarie nuove lotte, ma l’abolizione di questa legge non potrà che favorire la battaglia per una sanità pubblica di qualità.
Per questo la nostra organizzazione aderisce alla raccolta delle firme e alla campagna referendaria per il Sì all’abrogazione della legge 28/2015 e invita i/le lavoratori/trici, i/le pensionati/e, i/le cittadini/e a firmare numerosi la richiesta di referendum affinché si raggiunga e si superi il numero necessario di firme nel più breve tempo possibile.

Sinistra Anticapitalista Toscana