Ultimi articoli

Tema: L’Italia e la democrazia

Svolgimento

L’Italia è uno Stato Democratico governato dal partito Democratico. Infatti in Italia si vota per tutto e si esprime democraticamente la propria preferenza per il festival di sanremo, per il telegatto, per il grande fratello, per missitalia ed anche X factory.

Anche nelle riunioni di condominio si vota democraticamente, anzi lì sono ancora più democratici perché se non ci puoi andare che hai l’influenza, il cagarone o la recita del bimbo a scuola ci puoi mandare il vicino che ti sta più simpatico e così voti lo stesso.

Poi c’è pure Beppe Grillo che se vuole cacciare un deputato che gli sta un po’ sui santissimi e benedettissimi zebedei, te lo fa votare a te sul web. Sul web puoi votare anche la “torta più bella”, la riforma elettorale che più ti piace, le quirinalie, le parlamentarie, le europarlamentarie e a natale io ho votato anche per la gara dell’ “albero di natale fatto di ciole” più bello del mondo. Naturalmente ha vinto uno di Bari che almeno sapeva cosa sono le ciole: si chiama Nicola Guardavaccaro, è uno famoso che fa il bidello e pure io ho votato per lui.

Ora poi c’è il canguro ché è la cosa più democratica, proprio una cosa di libertà totale, perché sei libero di votare o di non votare tanto è lo stesso e dopo sei felice lo stesso. Renzi, che è del Partito Democratico, ha detto che bisogna che la sera stessa delle elezioni bisogna sapere chi ha vinto; Berlusconi che è del Partito Moderato gli ha risposto che per sicurezza meglio saperlo già da qualche mese prima, che in Italia si sa come vanno le cose che siamo tutti sempre in ritardo.

E così si sono messi d’accordo e abbiamo un canguro.

Però è proprio una cosa democratica perché pure se sei un deputato dissidente del PD oppure sei di SEL, che sei scemo forte ma proprio forte, ti fanno parlare pure a te.

Questo è tutto, ora vado a votare perché il sindaco del posto dove abito mi fa votare anche per il colore delle strisce pedonali, perché lui c’ha la fissa del bilancio partecipato…

Viva l’Itaglia!

Enio Minervini