L’ascesa del nazismo e la lotta per il fronte unico nella Germania degli anni 1930

kpd liste3Pubblichiamo in formato Pdf un breve, ma significativo saggio di François Sabado, membro della direzione del Npa e dell’esecutivo della IV Internazionale, e Patrick Le Moal, della commissione formazione del Npa. Apparso su Inprecor e ripreso da Movimento operaio; lo scritto prende spunto dagli studi di Trotsky sulla Germania. Pur nelle condizioni mutate questi scritti ci aiutano a comprendere il problema complesso della piccola borghesia, ma anche e soprattutto le carenze strategiche dei partiti comunisti e dell’Internazionale comunista a partire dal periodo della “svolta” impresso da Stalin (il cosiddetto Terzo periodo). E’ il periodo in cui domina la teoria del “socialfascismo”, che si fonda su una presunta imminenza della rivoluzione, sul carattere definitivo del capitalismo di fronte alla sua crisi e sulla trasformazione del carattere di classe della socialdemocrazia, spesso e volentieri equiparata al fascismo. Proprio per questo il Kpd (Partito Comunista tedesco) rifiutò il Fronte unico con i socialisti facilitando l’ascesa al potere di Hitler. Così concludono gli autori: “La sconfitta tedesca cambia tutte le prospettive storiche.Nello scontro, o il fascismo avrebbe vinto e schiacciato il movimento operaio, o quest’ultimo, respingendo il nazismo, avrebbe creato le condizioni per la sconfitta decisiva del capitalismo. L’incapacità del KPD e dell’Internazionale Comunista di guidare questo scontro ne segna la morte come partiti rivoluzionari. Il proletariato tedesco si risolleverà, lo stalinismo tedesco, mai”. “C’è bisogno di un nuovo partito”, conclude Trotskij dopo la sconfitta tedesca. Perché avvengano rotture, occorrono grandi avvenimenti storici.

Sabado, totale fascismo e fronte unico (in Pdf)