Saluto di Cosimo Scarinzi (coordinatore nazionale CUB) all’assemblea fondativa di Sinistra Anticapitalista

Care compagne, cari compagni,

un malanno fastidioso anche se non grave mi impedisce di partecipare oggi alla vostra riunione.

Voglio comunque sperare che queste giornate siano produttive per voi e, più in generale, per il movimento dei lavoratori.

È infatti mio fermo convincimento che in tempi difficili ma interessanti come gli attuali la presenza, lo sviluppo, l’azione di una sinistra saldamente anticapitalista, nella varietà delle sue espressioni, sia una risorsa essenziale per la ripresa del movimento di classe.

Per la CUB, un sindacato decisamente orgoglioso della propria autonomia, autonomia non significa certo indifferenza, chiusura, incapacità di apprezzare qualità e proposte delle forze politiche con le quali è in relazione.

Non è certo un caso che nel corso di questi anni ci sia trovati spesso assieme nelle stesse iniziative, sulle stesse parole d’ordine, con gli stessi metodi d‘azione giacché alcuni valori fondativi quali il classismo, l’attenzione ai processi di autorganizzazione sociale, la pratica del confronto libero ed aperto ci sono comuni.

Soprattutto una collaborazione ritengo sia utile ed importante nei tempi che ci attendono a partire dallo sciopero del 18 ottobre e dalle manifestazioni del 12 e 19 ottobre.

Si tratta di passaggi nei quali verificheremo la tenuta, l’estensione, il radicamento e la radicalità insieme, l’indipendenza dal governo e dai padroni, la capacità di iniziativa dei settori sociali ai quali si rivolge la nostra azione e dei quali ci sentiamo a pieno titolo parte attiva.

Lo ripeto, sono tempi interessanti e difficili, gli avversari nostri e, soprattutto, della nostra classe non si risparmieranno nelle peggiori pratiche, si pensi solo all’accordo scellerato fra CGIL CISL UIL e Confindustria sul piano sindacale ed all’indecente attacco contro il movimento NO TAV, sul piano sociale generale, che proprio in questi giorni va sviluppandosi ma sta a noi, come si diceva un tempo, accettare i doni del nemico sulla punta della spada.

Ci attende un’iniziativa forte per la difesa delle condizioni materiali e della libertà di azione e di organizzazione della nostra classe, ritengo che l’affronteremo insieme.

Fraterni saluti ed auguri di buon lavoro

Cosimo Scarinzi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: